Il leghista Lorenzo Fontana è il nuovo ministro della Famiglia e della Disabilità del governo M5S-Lega. Veronese, classe 1980, Fontana è un ex europarlamentare eletto per la prima volta nel 2009. È laureato in scienze politiche e in storia della civiltà cristiana ed è un ex dipendente dell'ente Fiera di Verona nonché ex vicesindaco di Verona con le deleghe alle politiche per la casa, relazioni internazionali, fondi Ue, veronesi nel mondo, smart city, incarico lasciato in concomitanza con l'elezione a vicepresidente della Camera avvenuta lo scorso marzo. È sposato con Emilia Caputo, assistente al Parlamento Europeo, e ha una figlia, Angelica. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, "La culla vuota della civiltà. All'origine della crisi" scritto a quattro mani con il banchiere Ettore Gotti Tedeschi. Vicesegretario della Lega, Fontana è ritenuto lo stratega politico di Matteo Salvini.

Lorenzo Fontana è noto al grande pubblico in particolare per le sue posizioni anti-abortiste, pro-vita e contro l'eutanasia espresse nel corso degli anni. Per quanto riguarda l'aborto, per esempio, dichiarò: "Se non si rispetta la vita dal concepimento alla fine naturale si arriva ad aberrazioni come quelle di cui siamo stati e siamo testimoni. È tipico delle dittature: il nazismo omologava per razza, il comunismo per classe sociale e oggi si tenta di omologare per interessi economici o per concezioni di vita. L’anziano non autosufficiente? ‘Un peso per la sanità, dunque un peso per lo Stato… che muoia' dicono". 

Contrario alle unioni civili, Fontana sostiene che "la resistenza oggi è contro chi vorrebbe un mondo al contrario, un mondo che vorrebbe negare l’esistenza di mamme e papà, di bambine e bambini (…) i bambini vanno educati sul modello della famiglia naturale…altre formule strane non mi piacciono". Come riporta Il Post, Fontana è solito anche legare il tema del calo demografico e della natalità "a quella delle migrazioni intese come invasione, usando un linguaggio che rimanda alla guerra e associando spesso automaticamente l’islam al terrorismo: ‘A sinistra vorrebbero compensare il calo demografico importando immigrati, ma la società multiculturale ha fallito, è la società ideale per chi vuole arrivare a comandare senza che nessuno dia fastidio, è una dittatura leggera'".

Di disabilità, infine, Fontana si è sempre occupato e come riporta il sito Vita, è conosciuto per la sua battaglia contro le barriere architettoniche: "Sappiamo quanti anziani ci sono che hanno bisogno di aiuto, sappiamo quanti disabili hanno problemi con le barriere architettoniche, sappiamo quanti problemi ci sono all’interno delle famiglie causati ad esempio dalla ludopatia. In Europa stiamo cercando di intercettare i fondi destinati all'abbattimento delle barriere architettoniche".