2.629 CONDIVISIONI
24 Marzo 2022
14:38

Valeria uccisa in ospedale con dose di chemio dieci volte superiore: medici condannati in Cassazione

A Valeria Lembo venne somministrata una dose dieci volte superiore a quella prevista per un errore di trascrizione su un foglio di carta all’ospedale di Palermo.
A cura di Antonio Palma
2.629 CONDIVISIONI

Avrebbe dovuto combattere contro il linfoma di Hodgkin che le era stato diagnosticato ma, proprio durante le cure che avrebbero dovuto aiutarla, un errore fatale da part dei sanitari ha aggravato la sua situazione portando Valeria Lembo a una morte atroce. A oltre dieci anni da quei terribili fatti, ora la terza sezione della Corte di Cassazione ha reso definitive le condanne per tre medici dell’ospedale di Palermo dove la giovane donna era ricoverata e in cura. Secondo quanto ricostruito dalle inchieste della Procura del capoluogo siciliano e poi confermato nelle aule del Tribunale, Valeria Lembo è morta nel dicembre 2011, dopo una lunga agonia, per un errore di trascrizione su un foglio di carta  che alterò la dose di chemio prevista portandola a una morte atroce.

A Valeria Lembo dose che avrebbe potuto uccidere un elefante

A Valeria dovevano essere somministrati 9 milligrammi di Vinblastina, un potente farmaco chemioterapico ma ne ricevette ben 90 milligrammi, una dose che "avrebbe potuto uccidere un elefante", spiegarono gli esperti e che si è rivelata fatale. Secondo la Procura e il Tribunale, colpevoli sono l'ex primario del reparto di Oncologia del Policlinico di Palermo, Sergio Palmeri, condannato a 3 anni di reclusione, Alberto Bongiovanni, all'epoca specializzando in quel reparto, che ha avuto 3 anni e 5 mesi, e l'oncologa Laura Di Noto, condannata a 2 anni e 3 mesi. La Cassazione infatti ha rigettato i ricorsi dei tre medici palermitani dopo sei gradi di giudizio, rendendo definitive le sentenze anche se per l’oncologa è stata annullata con rinvio in appello la parte della sentenza relativa alle pene accessorie, in particolare per l'interdizione dall'esercizio della professione medica.

Assolta l'infermiera in servizio

Respinto anche il ricorso della Procura generale contro l'unica assoluzione, quella dell'infermiera che era in servizio la notte dei fatti e che quindi risulta innocente. L'errore fatale e la somministrazione della dose killer del farmaco avvennero nella notte del 7 dicembre 2011. Valeria Lembo, 34 anni all'epoca dei fatti, morì tre settimane dopo terribili sofferenze. Nel febbraio scorso i sanitari coinvolti nella vicenda sono stati anche condannati dai giudici della Corte dei conti per danno erariale: Il primario Sergio Palmeri è stato condannato inoltre risarcire l’azienda sanitaria con 875 mila euro, gli altri due medici invece dovranno pagare la somma ciascuno di 318 mila euro.

2.629 CONDIVISIONI
Accoltellato due volte e ucciso a colpi di arma da fuoco davanti alla polizia in ospedale
Accoltellato due volte e ucciso a colpi di arma da fuoco davanti alla polizia in ospedale
Uccise a coltellate l'ex compagno di scuola: condannato a 20 anni di carcere
Uccise a coltellate l'ex compagno di scuola: condannato a 20 anni di carcere
Sette anziani uccisi nella RSA di Offida, condannato all’ergastolo l’infermiere Leopoldo Wick
Sette anziani uccisi nella RSA di Offida, condannato all’ergastolo l’infermiere Leopoldo Wick
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni