181 CONDIVISIONI
22 Ottobre 2021
16:35

Torino, 14enne aggredita con insulti razzisti da una compagna: “Non copiarmi su Instagram, scimmia”

Aggredita con insulti razzisti, calci e pugni davanti alla scuola. Una ragazzina di 14 anni di Torino è la vittima ripresa in alcuni video che hanno fatto prima il giro dell’istituto alberghiero che frequenta e poi quello dei cellulari dei genitori degli studenti. “Mi ha chiamato scimmia – racconta – e mi ha detto che quelli come me devono morire”
A cura di Gabriella Mazzeo
181 CONDIVISIONI

Picchiata e insultata fuori da scuola per il colore della pelle. Un episodio raccapricciante avvenuto a Torino lo scorso 5 ottobre. A raccontare per primo la storia il quotidiano La Stampa che ha raccolto la testimonianza della 14enne aggredita con appellativi razzisti fuori dall'istituto alberghiero che frequenta. A scagliarsi contro di lei una compagna di scuola ora denunciata ai carabinieri. La violenza è stata ripresa con un cellulare e il video è stato diffuso tra gli studenti fino a raggiungere la madre della vittima. "Non riesco a guardarlo – ha detto la donna -. Sentire quegli insulti nei confronti della mia bambina mi ha fatto male. In tanti anni in Italia non sono mai stata offesa per le mie origini mentre mia figlia si trova a combattere contro il razzismo. Le dico di andare avanti, ma so che non è semplice".

"Mi ha chiamata scimmia, mi ha detto che devo tornare da dove sono venuta e che quelli come me devono morire" ha raccontato la ragazzina al quotidiano. "Ero appena arrivata a scuola con le mie amiche quando questa ragazza si è avvicinata a me e mi ha detto di smettere di copiarla su Instagram. "Finiscila o ti ammazzo", questa è stata l'ultima frase. Poi mi ha tirato i capelli e mi ha strappato alcune treccine. Si è seduta sopra di me, schiacciandomi il costato con un ginocchio e ha iniziato a colpirmi". L'autrice dell'aggressione si è poi presentata in ospedale con alcune contusioni alle mani. Al preside ha detto di essersele procurate mentre difendeva un compagno disabile da "atteggiamenti ingiusti della 14enne". La vittima dell'aggressione, però, ha rispedito le accuse al mittente ribadendo al preside che il ragazzo disabile in questione è in realtà uno degli studenti che la bulla prende spesso di mira. "Mio fratello è autistico – ha specificato la quattordicenne -. Potrei mai comportarmi male con qualcun altro come lui?".

La ragazzina è stata curata all'ospedale Maria Vittoria di Torino. Una volta tornata a scuola, sarebbe stata ulteriormente minacciata da un'amica della bulla. "Mi ha detto che non era finita lì, ma io non ho paura. Ci sono le mie amiche e io ho le prove di quanto dico. Spero che chi ha assistito non abbia paura di parlare adesso. Quella ragazza terrorizza tutti ed è ora che questa cosa finisca".

181 CONDIVISIONI
Torino, reagisce agli insulti gay spruzzando lo spray al peperoncino: "Mi ha chiamato frocio"
Torino, reagisce agli insulti gay spruzzando lo spray al peperoncino: "Mi ha chiamato frocio"
268.303 di Gianluca Orru
Torino, insultato perché gay: "Frocio, levati". E lui gli spruzza lo spray urticante
Torino, insultato perché gay: "Frocio, levati". E lui gli spruzza lo spray urticante
Emanuele, aggredito dai bulli, torna a scuola scortato dai carabinieri, ma nessun compagno ad accoglierlo
Emanuele, aggredito dai bulli, torna a scuola scortato dai carabinieri, ma nessun compagno ad accoglierlo
242.674 di Francesca Lagatta
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni