La terra trema ancora nel sud Italia. Dopo le scosse di terremoto che nelle scorse settimane hanno interessato la Calabria sono stati i cittadini pugliesi a "tremare" in seguito a un sisma di magnitudo 5,8 della scala Richter che è stato registrato dai sismografi nei pressi di Durazzo, in Albania. Lo riferisce l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). L’epicentro è stato localizzato a 20 chilometri di profondità e a 33 chilometri a ovest di Tirana. La scossa è stata avvertita nitidamente anche in Puglia e in altre regioni del Sud.

Dopo la scossa principale di 5.8 ne è seguita un'altra di 5.3 localizzata nella medesima area. Migliaia di persone si sono riversate nelle strane terrorizzate, vista l'intensità della scossa principale non molto inferiore a quella che – per rendere l'idea – ha devastato il Centro Italia il 24 agosto del 2016 radendo al suolo Amatrice, Arquata del Tronto e Accumoli e causando la morte di 299 persone. Sono stati segnalati importanti danni a molte case a Durazzo e nelle città vicine.

Terremoto Albania: decine di feriti e ingenti danni

Secondo fonti mediche locali, oltre quaranta persone sono rimaste ferite tra cui alcune in condizioni gravi e almeno una in pericolo di vita. Tra le persone colpite ci sarebbero anche bambini e ragazzi giovanissimi. In una nota ufficiale il Ministero della Difesa albanese ha reso noto che quello di oggi pomeriggio è stato il terremoto più forte degli ultimi 20-30 anni nel paese. Sono ancora in corso da parte delle autorità verifiche sull'entità esatta dei danni che sarebbero però ingenti. Interi palazzi son stati evacuati per il pericolo di crolli in quanto pesantemente danneggiati dal terremoto mentre in alcune aree è saltata la corrente elettrica.