203 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Tendono nastro ad altezza uomo all’uscita di un sottopasso: identificati e denunciati 9 minori

Sono stati denunciati dai carabinieri di Settimo Torinese per interruzione di pubblico servizio e blocco stradale i nove ragazzi che la sera di sabato 27 gennaio hanno teso un nastro ad altezza uomo all’uscita di un sottopassaggio, poi fortunatamente rimosso dal primo automobilista che ha notato il blocco. Hanno tutti tra i 15 e i 16 anni. Il gruppo è stato identificato anche grazie ai video ripresi dalle telecamere di sorveglianza del Comune.
A cura di Eleonora Panseri
203 CONDIVISIONI
Immagine

I Carabinieri di Settimo Torinese hanno identificato e denunciato nove minori che appartengono al gruppo di ragazzi che la sera di sabato 27 gennaio hanno teso un nastro ad altezza uomo all'uscita di un sottopassaggio, poi fortunatamente tolto dal primo automobilista che è passato e ha notato il blocco. Decisiva è stata la visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza del Comune che ha permesso di scoprire l'identità dei nove giovani.

La sera di sabato 27 gennaio i nove hanno deciso di tendere il nastro di plastica in Via Leinì, bloccando di fatto la circolazione stradale. Secondo quanto si apprende, l’attività investigativa ha permesso di accertare che i ragazzi, sempre nella stessa serata, avevano messo in atto altri atti vandalici: ostruendo la strada con dei bancali di legno in Via Milano e in Via Schiapparelli con cinque cassonetti di plastica per la raccolta differenziata.

Gli autori sono nove minori della zona, con un’età compresa tra i quindici e i sedici anni. Tutti sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio e blocco stradale. Nell’ambito dell’attività d’indagine, gli uomini dell’arma hanno eseguito una serie di perquisizioni nelle abitazioni degli indagati per capire se dietro al gesto, che ha messo in pericolo la vita degli automobilisti in transito, ci fosse un disegno più articolato.

A seguito degli accertamenti effettuati nelle case dei ragazzi, è stato anche arrestato un 48enne, il padre di uno dei ragazzi, che è stato trovato in possesso di 33 dosi di cocaina per un totale di 50,9 grammi, 32 grammi di sostanza da taglio tipo mannite e 2 bilancini elettronici intrisi di droga. All’uomo è stato contestato il reato di detenzione ai fini di spaccio e, su disposizione del pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica di Ivrea, è stato messo agli arresti domiciliari.

203 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views