29 CONDIVISIONI

Strangolò una donna e chiuse il corpo in un sacco: condannato pescatore palermitano

Damiano Torrente, il pescatore palermitano imputato dell’omicidio di Ruxandra Vesco, 38enne di origine rumena, sparita nel nulla nel 2015, è stato condannato a 15 anni di carcere.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
29 CONDIVISIONI
Immagine

Damiano Torrente, il pescatore palermitano imputato dell’omicidio di Ruxandra Vesco, 38enne di origine rumena, sparita nel nulla nel 2015, è stato condannato a 15 anni di carcere nonostante la Procura generale del capoluogo siciliano ne avesse chiesti 25. Nessuno all'epoca dei fatti aveva denunciato la scomparsa della donna, ma nel 2017  fu lo stesso Torrente a portare i poliziotti della squadra mobile su un dirupo del Monte Pellegrino, facendo ritrovare i resti di Ruxandra chiusi in un sacco nero.

L’imputato aveva prima confessato poi ritrattato; nuovamente interrogato, tuttavia, aveva detto di aver strangolato la donna e di averne fatto sparire il corpo, portandolo in auto sul promontorio che sovrasta Palermo. L’omicidio è stato commesso nel 2015. In un macabro racconto denso di particolari disse Torrente aveva detto di aver ucciso la trentottenne con una corda perché lei voleva denunciarlo, ma poi si rimangiò tutto. “Io Ruxandra Vesco non l’ho mai conosciuta, io ho conosciuto la sua storia, io ho raccontato la sua storia, sono stato così stupido – disse – da fare ritrovare quello che mi era stato riferito. Mi era stato riferito e mi era stato indicato come posto, io sono stato così stupido da fare ritrovare quello per una cosa mia, una cosa cristiana, una cosa soltanto mia, io questo ho detto al prete, se parlate del prete parlate di un altro processo".

E ancora, riferendosi al giudice: "Presidente, io le dico con la mano sul cuore che non l’ho mai conosciuta questa Ruxandra – aggiunse – … gli spiego una cosa, il danno, che cosa ho fatto io. Io l’ho fatta rivivere questa Ruxandra, pensando, dicendo che era una alcolizzata che non so se era alcolizzata, che era una meretrice e non so se era una meretrice, che era come la volevo io, quello è, il discorso è quello…".

29 CONDIVISIONI
Morta in auto con sacco in testa, fermati figli di 16 e 13 anni: finto rapimento chiamando la nonna
Morta in auto con sacco in testa, fermati figli di 16 e 13 anni: finto rapimento chiamando la nonna
È di Alessandra Ollari il corpo in avanzato stato di decomposizione trovato a Parma
È di Alessandra Ollari il corpo in avanzato stato di decomposizione trovato a Parma
Femminicidio Alessandra Matteuzzi, Giovanni Padovani condannato all'ergastolo
Femminicidio Alessandra Matteuzzi, Giovanni Padovani condannato all'ergastolo
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views