1.604 CONDIVISIONI
23 Aprile 2022
10:39

Siena, botte e umiliazioni a coetanee, i video sul web: 10 ragazzine indagate per atti criminali

Una “baby gang” di ragazzine di età compresa tra i 14 e i 15 anni e sono ora indagate per atti criminali commessi, sia attraverso i social che fisicamente, in danno di giovani coetanee cui erano riservate botte, schiaffi e sputi. I pestaggi venivano ripresi con il telefonino e messi online sui social.
A cura di Susanna Picone
1.604 CONDIVISIONI

Adolescenti che umiliavano, offendevano e deridevano altre ragazzine sui social, che poi le attiravano con minacce o inganni in luoghi appartati per aggredirle fisicamente e verbalmente mentre riprendevano tutto col cellulare. Siamo a Siena e così vengono descritte 10 giovanissime residenti nella città del Palio, minorenni tra i 14 e i 15 anni, che ora risultano indagate per atti criminali e sottoposte a perquisizioni personali e domiciliari dalla polizia su delega della procura presso il tribunale per i Minorenni di Firenze. Umiliavano e filmavano le loro vittime per poi condividere i video in una chat WhatsApp denominata “baby gang” oltre che in altri social network. Sono state accertate almeno una decina di aggressioni che sarebbero state compiute tra il 27 giugno 2020 e il 19 febbraio 2022. Il modus operandi era sempre lo stesso.

Le vittime venivano affrontate dalla leader della baby gang, spalleggiata e aiutata dalle altre, che le riprendono mentre subivano le vessazioni, per poi divulgare le immagini e i video sui social. Tutto accadeva nel centro di Siena e anche in un'area industriale dismessa di Taverne d'Arbia, a pochi chilometri dal capoluogo. A quanto accertato le ragazzine operavano in via della Vecchia, in un'area sotto la Fortezza Medicea da loro chiamata ‘Ring', nei vicoli del centro, nel sottopassaggio degli autobus in piazza Gramsci e alla Galleria Metropolitan in piazza Matteotti.

Le indagini sono state condotte dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Siena e sono iniziate a fine dicembre 2021 dopo una denuncia presentata da una delle vittime per le aggressioni subite nell'aprile e nell'ottobre 2021. Quindi gli investigatori hanno ascoltato altre testimonianze e iniziato a monitorare i social riuscendo a ottenere elementi per l'identificazione delle appartenenti alla “baby gang” tutta al femminile. Gli investigatori hanno anche scoperto nel corso delle indagini che alcune persecutrici sono diventate, a loro volta vittime, nel momento in cui decidevano di prendere le distanze dalle condotte illecite.

1.604 CONDIVISIONI
Messina, è gelosa dell'amica e le tende agguato con due coetanei: video del pestaggio finisce online
Messina, è gelosa dell'amica e le tende agguato con due coetanei: video del pestaggio finisce online
Entrano nelle telecamere di sicurezza di migliaia di case e rivendono video online: arrestati i membri di due bande
Entrano nelle telecamere di sicurezza di migliaia di case e rivendono video online: arrestati i membri di due bande
10.370 di Giorgia Venturini
L'oroscopo del 10 giugno 2022
L'oroscopo del 10 giugno 2022
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni