Chiusura per un giorno e 400 euro di multa per Romualdo Rizzuti, titolare della pizzeria ‘Le follie di Romualdo’ a Firenze. La “colpa” dell’imprenditore è stata quella di aver protetto dalla pioggia, con una tenda, i clienti seduti nella corte interna. Come ha raccontato lo stesso Rizzuti a La Nazione, nella piccola pedana esterna al locale (85 posti standard divenuti 30 in rispetto delle misure anti-Covid) sabato sera si erano appena seduti sei ragazzi. Avevano appena iniziato a mangiare l’antipasto quando è cominciato a piovere. Una brutta grana in questi tempi.

"Mi dispiaceva – ha spiegato il ristoratore – mandarli via a metà cena". Così per cercare di trovare una soluzione ha offerto loro un tavolo davanti alla porta finestra spalancata della sua veranda giardino. Anche perché – aggiunge – "non avevo più posto in veranda, per via delle distanze di sicurezza non potevo certo aggiungere un tavolo". Per fortuna la veranda, nonostante la pioggia, è rimasta agibile, visto che è coperta con una tenda. Tuttavia, secondo qualche cliente gli spazi offerti sarebbe stati troppo chiusi, senza possibilità di ricircolo d'aria. E a poco servono le spiegazioni di Romualdo. Partita la segnalazione, davanti al locale sono arrivate tre macchine delle forze dell’ordine.

E sono scattate le multe. 400 euro e un giorno di chiusura al titolare della pizzeria (che farà ricorso) e altre 6 sanzioni da 400 euro a chi aveva accettato di sedersi al tavolo davanti alla porta finestra. Fra i danni collaterali la cena saltata a tutti gli altri clienti. "In sedici mesi ho potuto aprire solo per sei mesi. Ho dieci dipendenti e sto facendo di tutto per andare avanti. Con questa multa è come se avessi lavorato gratis" ha aggiunto l'uomo.