1.602 CONDIVISIONI
23 Giugno 2022
11:36

Rischia la vita per un colpo di calore, trapianto lo salva. Il medico: “Come se fosse nel microonde”

Un 57enne di Asti è stato salvato in extremis grazie a un trapianto di fegato d’urgenza a causa delle conseguenze di un colpo di calore patito 3 giorni prima. Il professor Renato Romagnoli a Fanpage.it: “Adesso paziente sveglio ed è in via di recupero”.
A cura di Gianluca Orrù
1.602 CONDIVISIONI
Il Professor Renato Romagnoli, direttore del Centro Trapianti Fegato delle Molinette
Il Professor Renato Romagnoli, direttore del Centro Trapianti Fegato delle Molinette

Con il caldo di questi giorni non si scherza e le temperature elevatissime sono state quasi fatali per un uomo "dalla corporatura atletica" che ha deciso in maniera improvvida di dare fuoco alle sterpaglie dietro casa. È stato un attimo, forse il fumo, forse il caldo delle fiamme, ha fatto appena in tempo a chiedere aiuto prima di svenire.

Così l'hanno trovato i sanitari del 118, riverso faccia a terra vicino alle sterpaglie bruciate, la temperatura corporea oltre i 41 gradi e un colpo di calore in corso. Le condizioni cliniche dell'uomo sono apparse critiche, tali da necessitare l'intubazione tracheale sul posto e il trasporto in elisoccorso verso il reparto di rianimazione dell'ospedale di Alessandria.

Nelle ore successive, dopo il raffreddamento del corpo con ghiaccio e infusioni endovenose fredde e l'applicazione di terapie volte a sostenere le funzioni vitali, le condizioni del paziente si sono progressivamente stabilizzate, con iniziali segni di miglioramento. Poi però si è aggravato improvvisamente a causa di una insufficienza epatica fulminante. Gli indici relativi allo stato del fegato a partire da 24 ore dopo il colpo di calore hanno infatti registrato un progressivo peggioramento. Ma cosa c'entra il colpo di calore con il fegato? Come è possibile che un colpo di calore comprometta la funzionalità di questo organo?

A Fanpage.it lo spiega il professor Renato Romagnoli, direttore del Centro Trapianto Fegato delle Molinette di Torino, centro nel quale il paziente è stato trasportato d'urgenza dall'ospedale di Alessandria.

"Il fegato – spiega il professor Romagnoli – è un organo molto sensibile a temperature e shock termico. Il colpo di calore causa la riduzione della pressione sanguigna e la deviazione del sangue verso organi considerati vitali dal corpo, il cuore e l'encefalo, quindi il fegato viene ‘sacrificato' e riceve meno sangue".

La temperatura elevata, oltre i 35°C, la scarsa ventilazione e alti livelli di umidità, superiori al 60-70%, sono le condizioni tipiche nelle quali si manifesta il colpo di calore, che è una conseguenza del fallimento dei sistemi di termoregolazione dell'organismo. A causa dell'alta umidità il sudore prodotto dall'organismo non riesce più a disperdere il calore e il corpo perde la capacità di mantenere la temperatura a livelli ottimali.

"Il colpo di calore – prosegue il professor Romagnoli – è per definizione quella situazione in cui la temperatura corporea sale in modo incontrollato. In questo caso il paziente è stato ritrovato svenuto e aveva una temperatura corporea di 41°C, come se fosse stato messo in un forno a microonde. Il colpo di calore ha tre profili possibili di evoluzione: il danno lieve, superabile con una terapia intensiva, i casi gravissimi in cui il paziente muore nell'arco di poche ore e una situazione intermedia come questa in cui, dopo aver ristabilito l'equilibrio emodinamico e aver preservato cuore e cervello, progredisce in modo inesorabile la morte delle cellule del fegato".

Nel paziente infatti, a distanza di qualche ora dalla stabilizzazione, è stata osservata una progressione geometrica del peggioramento del fegato, all'inizio del ricovero nell'ospedale di Alessandria aveva le transaminasi a 100, il giorno dopo a 1500, dopo 36 ore a 6000 e dopo 48 ore a 10000.

I dottori Mauro Bruno e Silvia Martini della Gastro-Epatologia dell'ospedale Molinette di Torino ed il professor Renato Romagnoli, Direttore del Centro Trapianto Fegato Molinette, sono stati quindi contattati per valutare l'opzione salva-vita di un trapianto di fegato, giudicato ancora possibile, così il paziente è stato trasportato d'urgenza verso la rianimazione delle Molinette diretta dal dottor Roberto Balagna e inserito in lista d'attesa per trapianto di fegato in ‘super-urgenza nazionale' a circa 48 ore dall'iniziale colpo di calore.

La Rete Trapianti italiana si è immediatamente attivata e dopo pochi minuti è stato individuato un donatore d'organi compatibile da Udine. Il trapianto epatico è stato eseguito tre giorno dopo il colpo di calore nelle sale operatorie delle Molinette ad opera del dottor Damiano Patrono sotto la supervisione del professor Romagnoli.

"Adesso paziente sveglio ed è in via di recupero – racconta il professor Renato Romagnoli – il trapianto di fegato è magico, da una funzione epatica nulla si recupera il 100% in poche ore, non per niente lo chiamiamo trapianto salvavita, il paziente nella sfortuna è stato fortunato, perché nel momento in cui è stato inserito in lista trapianti dopo pochi minuti è stato trovato l’organo idoneo e dopo 12 ore è stato trapiantato".

"Poteva morire – prosegue il professore – in queste giornate così calde non bisogna fare imprudenze, quando fa così caldo non bisogna esporsi al calore, non bisogna accendere fuochi all’aperto, è una cosa estremamente imprudente".

1.602 CONDIVISIONI
Docce gelate e 500 calorie al giorno: finto medico spingeva adolescenti all’anoressia sui social
Docce gelate e 500 calorie al giorno: finto medico spingeva adolescenti all’anoressia sui social
11 di Videonews
Andrea a 38 anni rischia la vita per un aborto spontaneo: i medici non vogliono portarlo a termine
Andrea a 38 anni rischia la vita per un aborto spontaneo: i medici non vogliono portarlo a termine
Docce gelate e 500 calorie al giorno: così finto medico spingeva adolescenti all'anoressia sui social
Docce gelate e 500 calorie al giorno: così finto medico spingeva adolescenti all'anoressia sui social
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni