Da alcune sere una 45enne, disoccupata, avvicinava un disabile reggiano di 58 anni, chiedendogli con insistenza di appartarsi con lei, per sesso a pagamento.  L’uomo ha però sempre rifiutato. Ma all’ennesimo no, sabato sera verso le 21, la donna avrebbe reagito sferrando un calcio alle gambe dell’uomo, per poi farlo cadere a terra con una spinta per aprire il marsupio che il 58enne portava con sé e rubare il portafoglio con documenti e sessanta euro in contanti. I fatti sono avvenuti in via Papa Giovanni XXIII a Reggio Emilia, mentre il 58enne stava rientrando a casa.

Le grida d’aiuto del disabile hanno attirato l’attenzione alcuni passanti che immediatamente hanno dato l’allarme ai carabinieri. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118. Il 58enne è stato trasportato in ospedale e medicato per traumi guaribili in cinque giorni, mentre la donna è stata individuata e fermata dai carabinieri, per essere portata in caserma e dichiarata in arresto per il reato di rapina. La donna, prima di essere bloccata, avrebbe gettato a terra il portafoglio, poi recuperato dai militari e restituito al derubato.