1.301 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Dicembre 2021
13:26

Raddoppiati in una settimana i ricoveri Covid dei bambini: in ospedale solo non vaccinati

La percentuale di ricoveri pediatrici per Covid è raddoppiata, aumentando del 96% rispetto alla settimana scorsa. Secondo la Fiaso si tratta di tutti bambini non vaccinati, e tra i piccoli pazienti la metà ha genitori non vaccinati.
A cura di Davide Falcioni
1.301 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Con la crescita dei contagi e la diffusione della variante Omicron aumenta anche la pressione sulle strutture ospedaliere. A rivelarlo il report condotto dalla Fiaso in 21 strutture sanitarie su un totale di 1.301 pazienti: nei reparti ordinari i pazienti non vaccinati ammontano al 53% ma nell'ultima settimana si è
assistito all'aumento del 16,7% dei No Vax contro una riduzione del 2% di coloro che invece hanno completato almeno il ciclo di vaccinazione primario. L'analisi della Federazione italiana delle aziende sanitarie ed ospedaliere conferma il trend di crescita delle ospedalizzazioni pari al 7%. Netta la differenza di età fra vaccinati e non: i primi hanno in media 73 anni mentre i secondi 63 anni, ovvero 10 anni in meno. Superiori anche le comorbidità fra i vaccinati (73%), fra i non vaccinati, invece, il 50% dei ricoverati non soffriva di patologie pregresse.

Aumentati del 96% i bambini ricoverati

Cattive notizie anche sul fronte dell'infanzia. La percentuale di ricoveri pediatrici per Covid è infatti raddoppiata, aumentando del 96% rispetto alla settimana scorsa. Secondo la Fiaso si tratta di tutti bambini non vaccinati, e tra i piccoli pazienti la metà ha genitori non vaccinati. La rilevazione è stata effettuata il 21 dicembre e riguarda in tutto 21 strutture sanitarie ospedaliere e 4 ospedali pediatrici. "Siamo di fronte a due epidemie: una che corre e riguarda i no vax che finiscono in rianimazione e sviluppano forme gravi della malattia da Covid; una più lenta che coinvolge i vaccinati, per lo più persone di età avanzata e con gravi patologie pregresse, e che non hanno ancora fatto la terza dose – commenta il Presidente Fiaso Giovanni Migliore -.  Questo evidenzia ancora di più l’importanza della vaccinazione nella protezione dalla malattia e in particolare l’anticipazione della terza dose per i fragili. Il report degli ospedali sentinella evidenzia come anche i minori possano essere colpiti dal virus e finire in ospedale: per chi ha più di 5 anni è necessario vaccinarsi, per i bambini fino a 4 anni, invece, l’unica protezione che possiamo offrire è quella di chi li circonda e in particolare dei genitori. Vaccinarsi significa proteggere se stessi e proteggere gli altri".

Solo 108mila dosi di vaccino somministrate ai bambini dai 5 agli 11 anni

La quarta ondata di contagi Covid, sospinta dalla variante Delta e dall'arrivo della Omicron, sta colpendo in modo importante la popolazione pediatrica: poco meno di un terzo dei nuovi casi si registra infatti in età scolare, cioè in quella fascia della popolazione in cui è più bassa la copertura vaccinale. Secondo il report quotidiano della struttura guidata dal commissario Figliuolo ad oggi nella fascia 5-11 anni sono state somministrate solo 108.112 dosi di vaccino, pari al 2,9% della platea; solo 99 bambini hanno ricevuto anche la seconda dose.

1.301 CONDIVISIONI
31628 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni