Sarebbe stato un 17enne ad accoltellare Franco Lettieri, ex collaboratore di giustizia, che si trovava in centro ad Ascoli Piceno. Ad incastrarlo, un video fatto da alcune telecamere posizionate su via delle Stelle, lì dove lo scorso 15 gennaio è stato ferito a coltellate il 56enne salernitano. Il ragazzino lo avrebbe accoltellato mentre lo zio picchiava la vittima con violenza. Lettieri aveva chiamato il 112 e riferito chi lo aveva aggredito.

Visionando le immagini, sono stati definiti i ruoli dei due coinvolti. L'accusa, secondo la Procura di Ascoli e la procura per i Minori di Ancora, sarebbe di omicidio volontario in concorso per zio e nipote minorenne. Nella giornata di domani 19 gennaio 2021 sarà conferito l'incarico per l'autopsia sul corpo di Lettieri. L'aggressore è rinchiuso nel carcere di Ascoli mentre il nipote è sottoposto a fermo giudiziario su disposizione della Procura minorile, in custodia in una casa protetta.

L'omicidio

Lettieri è stato ucciso a coltellate tra le vie del centro marchigiano. L'aggressore si sarebbe subito dileguato nel nulla, ma la vittima è stata trovata a terra sanguinante nella centralissima via dei Soderini, nella quale si è trascinato prima di morire. Inutili i tentativi di soccorso da parte del 118. A dare l'allarme, i residenti del quartiere. Sul posto sarebbe giunta un'ambulanza ma per Lettieri era già tardi.

Sul posto anche i carabinieri del Comando provinciale di Ascoli Piceno, avvisati dalla stessa vittima sul nome dell'uomo che lo avrebbe aggredito. Il presunto aggressore è stato portato in caserma dai militari dell'Arma proprio nella serata del delitto. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che i due non avessero problemi diretti tra loro, ma pare che Lettieri avesse avuto qualche problema con un congiunto dell'aggressore, un ragazzo finito in carcere per traffico di droga ad Ascoli.