302 CONDIVISIONI
13 Gennaio 2022
08:24

Omicidio a Misano, Nicola ucciso a sprangate dal vicino dopo una lite per una fioriera

Dopo l’ennesima lite tra i due, il 50enne Nicola Donadio è stato colpito violentemente al capo con un attrezzo da palestra dal vicino 54enne Edi Zegarac,
A cura di Antonio Palma
302 CONDIVISIONI

Ucciso a sprangate in testa dal vicino dopo l'ennesima discussione per una fioriera  al confine, così è stato ucciso ieri Nicola Donadio, l'uomo di 50 anni ritrovato dai carabinieri in una pozza di sangue nella zona del depuratore di Misano Adriatico. nel Riminese. Secondo quanto ricostruito finora dagli inquirenti, anche in base alle ammissioni dell'autore del delitto, il 54enne Edi Zegarac, tra vittima e quest'ultimo da tempo la situazione era tesa a seguito di liti di vicinato continue. I due abitavano i due roulotte-container  adiacenti, in un’area riservata dal Comune di Misano a persone in condizioni di difficoltà economica , ma tra di loro non correva buon sangue.

I litigi erano già sfociati anche in una querela da parte della vittima nei confronti dell'arrestato. Donadio infatti alcuni mesi fa aveva denunciato il vicino per lesioni e danneggiamento a seguito di una lite, pare iniziata per una fioriera, durante la quale si era arrivati alle mani con spintoni  e insulti. La vittima aveva riferito di essere caduto e di aver riportato lesioni. Zegarac dopo l'arresto ha riferito ai carabinieri di aver atteso  la vittima all'alba al ritorno dal lavoro notturno proprio per chiarire la questione per invitare i vicino a ritirare la querela che li avrebbe portati in Tribunale. Erano circa le 6 quando Donadio è tornata o casa ma a  questo punto sarebbe nata l'ennesima lite durante la quale Zegarac lo ha colpito violentemente. uccidendolo.

Il 50enne è stato colpito violentemente al capo con un attrezzo da palestra, pare un bilanciere, e lasciato a terra in una pozza di snague. Ad allertare i soccorsi sono stati altri residenti della zona allarmati dalle urla e le richieste di aiuto dell'uomo. All'arrivo di carabinieri e sanitari del 118 il 50ene originario di Potenza era ancora vivo ma è morto poco dopo. Edi Zegarac  invece si era rinchiuso, ancora con  le mani e gli abiti insanguinati, nel bagno del suo container  dove i carabinieri lo hanno trovato e arrestato. Deve rispondere di omicidio volontario.

302 CONDIVISIONI
La droga, la lite e l'omicidio: arrestato 17enne per la morte di Salvatore Martino ucciso a Erice
La droga, la lite e l'omicidio: arrestato 17enne per la morte di Salvatore Martino ucciso a Erice
Mamma e figlia uccise a martellate, la vicina: "Abbiamo visto il marito sporco di sangue"
Mamma e figlia uccise a martellate, la vicina: "Abbiamo visto il marito sporco di sangue"
Morte Nicola Colloca, tutti assolti i sette imputati: fu suicidio e non omicidio
Morte Nicola Colloca, tutti assolti i sette imputati: fu suicidio e non omicidio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni