Le immagini dell'incendio che ha quasi completamente distrutto la cattedrale di Notre Dame a Parigi la sera di lunedì 15 aprile sono ancora davanti agli occhi di tutti: le fiamme hanno divorato in pochi minuti la parte superiore dell'edificio, facendo crollare il tetto, la guglia e parte della volta della navata centrale, mettendo in pericolo i tesori conservati all'interno e rischiando di cancellare oltre 800 anni di storia. Ma questo non è l'unico episodio in cui l'arte è stata minacciata da un rogo di vaste dimensioni. Lo sa bene l'Italia, che in due occasioni in particolare ha dovuto fare i conti con una situazione del genere, e cioè con il teatro la Fenice di Venezia e il Petruzzelli di Bari, nati a nuova vita dopo anni di lavori.

"Da baresi conosciamo quel dolore"

Era il 27 ottobre 1991 quando un incendio appiccato da una mano ignota distrusse il Teatro Petruzzelli di Bari, il quarto più grande d'Italia. Da poche ore si era conclusa la rappresentazione della "Norma" di Bellini, la cui ultima scena è proprio quella di un rogo, per uno strano gioco del destino. Sembrava quasi tutto perduto, solo il collasso della cupola, soffocando le fiamme, ne ha impedito la distruzione totale, e invece, dopo 18 anni di lavori senza sosta, realizzati grazie a finanziamenti pubblici, è rinato dalle sue stesse ceneri nel settembre del 2009. Anche se sono trascorsi 27 anni da quella tragedia, le immagini del rogo sono ancora ben impresse nelle menti dei baresi. Per questo, Antonio Decaro, sindaco della città pugliese ha detto che "da baresi conosciamo il dolore lancinante che si prova vedendo bruciare, impotenti, un simbolo della propria città. Siamo vicini ai parigini e a tutti i francesi, sicuri che Notre Dame tornerà presto a splendere".

La Fenice a Venezia rinata dalle sue ceneri

Un'altra pagine triste della storia italiana è rappresentata dall'incendio che nel 1996 ha distrutto il teatro La Fenice di Venezia. Era il 29 gennaio di quell'anno quando un rogo doloso divampò nella struttura. Anche in questo caso, come a Bari, ci si mise subito all'opera per avviare la ricostruzione. Al motto di "com'era dov'era", lo stabile è stato prima messo in sicurezza e dopo il dissequestro si è passati alla rimozione delle macerie, fino alla nuova inaugurazione avvenuta il 14 dicembre 2003 quando Riccardo Muti, in diretta tv, ha diretto il primo concerto della rinata struttura. Non era, inoltre, la prima volta che succedeva una cosa del genere: sempre La Fenice era stata minacciata dalle fiamme già nel 1836, probabilmente a causa del malfunzionamento di una stufa."Siamo stati assaliti dal fuoco due volte, ma dal fuoco due volte siamo risorti più forti di prima. Siamo al vostro fianco, amici, non temete", è il contenuto del tweet che il teatro veneziano ha dedicato a Notre Dame.