2.079 CONDIVISIONI
Coronavirus
24 Giugno 2021
19:14

Non vuole indossare mascherina: lo “sciamano” Hermes Ferrari reagisce e prende a testate un passante

Hermes Ferrari, soprannominato lo “sciamano italiano” per il travestimento simile a quello di Jake Angeli, supporter di Trump tra i protagonisti dell’assalto al Congresso americano, è tornato alla ribalta della cronaca: mentre si trovava al Fidenza Village ha insultato un vigilantes che gli aveva intimato di indossare la mascherina e ha poi preso a testate un passante che aveva commentato quanto stava succedendo.
A cura di Ida Artiaco
2.079 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Non voleva indossare la mascherina così non solo ha insultato i vigilantes dell'outlet Fidenza Village ma ha anche preso a testate un passante, a cui ha rotto il naso. Hermes Ferrari, soprannominato lo "sciamano italiano" per il travestimento simile a quello di Jake Angeli, complottista di QAnon e supporter di Trump tra i protagonisti dell’assalto al Congresso americano, nel corso di una manifestazione dei ristoratori davanti a Palazzo Chigi durante la pandemia, è tornato alla ribalta della cronaca per un episodio verificatosi questo pomeriggio al Fidenza Village. L'uomo è stato infatti il protagonista di una aggressione che ripresa dagli smartphone dei presenti ha ben presto fatto il giro del web.

Lo "sciamano" non voleva indossare la mascherina così quando un vigilantes dell'outlet glielo ha fatto notare è partito il diverbi, condito da insulti da parte del cliente. "Pelatone di m***a, è pieno di gente senza mascherina e rompi il c***o a me", urla all’uomo della sicurezza, che risponde educatamente invitandolo a indossare il dispositivo di protezione, mentre anche la moglie inveisce. La coppia sembra sul punto di andarsene, quando arriva un passante che commenta la vicenda, rivolgendo un insulto all’uomo senza mascherina. A quel punto Ferrari perde le staffe e lo colpisce con una testata. Sul suo profilo Facebook "lo sciamano" si è difeso dicendo che le guardie di sicurezza lo tenevano e il passante aveva un atteggiamento minaccioso facendo intendere quindi di essersi "spaventato" e quindi difeso. "Prima di fare commenti stupidi guardate il fermo immagine : mani protese verso il mio volto e io le mani abbassate con le guardie giurate che mi bloccano", si legge. La vicenda si è conclusa con l’aggressore che è stato fatto uscire e il 118 allertato per medicare la vittima, che ha ricevuto le cure in ospedale e una prognosi di 7 giorni. Ora su di lui pende una denuncia per aggressione e mancato rispetto della normativa anti-Covid.

2.079 CONDIVISIONI
27046 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni