798 CONDIVISIONI
11 Aprile 2020
15:12

“Mio marito mi ammazza, aiuto”, si rifugia in bagno e chiama i carabinieri per farlo arrestare

Nonantola, in provincia di Modena, una donna si è chiusa in bagno per chiamare i carabinieri dopo l’ennesima violenza del marito, 42 anni. Giunti sul posto i militari hanno trovato diversi oggetti, da coltelli vari a una pistola, che li hanno convinti ad arrestare subito l’uomo e portarlo al carcere di Reggio Emilia.
A cura di Andrea Parrella
798 CONDIVISIONI

Liti continue, che andavano avanti da gennaio, sempre più violente e dai toni minacciosi, e la paura di essere uccisa divenuta quasi una certezza. Queste le motivazioni che hanno spinto una donna di Nonantola, in provincia di Modena, a non accettare l'ennesimo scontro con il marito 42enne e a chiedere, il 9 aprile, l'intervento della polizia dopo essere sfuggita a una violenza del marito rifugiandosi in bagno e contattando le forze dell'ordine, che dopo pochi minuti sono arrivate sul posto.

Qui hanno rinvenuto diversi oggetti che lasciavano poco spazio alle interpretazioni: un manico di scopa ricurvo, coltelli, una pistola a salve, due coltelli e due cinture legate tra loro alle tubature del gas fino a formare un cappio. Elementi che hanno dato sostanza definitiva alla denuncia della donna e convinto definitivamente i militari ad intuire quanto stesse accadendo o potesse potenzialmente verificarsi, a fermare immediatamente l'uomo e decidere di condurlo al carcere di Reggio Emilia.

La ricostruzione completa è quindi arrivata con il racconto approfondito e dettagliato della donna su quanto accaduto dal gennaio scorso. Nei mesi scorsi erano stati diversi gli scontri tra i due, liti culminate in minacce esplicite e percosse che hanno allarmato sempre più la donna, inizialmente disposta ad accogliere le scuse del marito e perdonarlo, come spesso accade in circostanze di questo tipo. Il 9 aprile la donna sarebbe quindi arrivata al limite massimo di sopportazione, probabilmente prevedendo quello che sarebbe potuto accadere e immaginando che le cose potessero precipitare definitivamente. Ha quindi deciso di rifugiarsi in bagno, chiudendo la porta a chiave e mettendosi in contatto con i carabinieri: "Aiutatemi – gli ha detto -o questo mi ammazza". Da qui l'intervento immediato dei militari.

798 CONDIVISIONI
Asti, ai domiciliari con la suocera aggredisce carabiniere per farsi arrestare: "Meglio il carcere"
Asti, ai domiciliari con la suocera aggredisce carabiniere per farsi arrestare: "Meglio il carcere"
Cagliari, uccisa dal marito con 6 coltellate: la sera prima Angelica aveva chiesto aiuto in un bar
Cagliari, uccisa dal marito con 6 coltellate: la sera prima Angelica aveva chiesto aiuto in un bar
"Mi ha picchiata": allarme ai carabinieri di Rita Amenze il giorno prima di essere uccisa dal marito
"Mi ha picchiata": allarme ai carabinieri di Rita Amenze il giorno prima di essere uccisa dal marito
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni