1.230 CONDIVISIONI
2 Maggio 2021
09:56

Migranti, la Sea-Watch chiede di sbarcare in un porto sicuro le 455 persone a bordo

La ong Sea-Watch 4 ha chiesto via twitter di poter sbarcare in un porto sicuro i 455 migranti soccorsi in mare negli ultimi tre giorni. Intanto che attende risposta continuano ad arrivare nuove richieste d’aiuto dal mare: in balia delle onde ora ci sono 95 persone. A lanciare l’allarme per un nuovo barcone in difficoltà in acque internazionali è Alarm Phone.
A cura di Giorgia Venturini
1.230 CONDIVISIONI
Foto da Twitter della ong Sea Watch Italy
Foto da Twitter della ong Sea Watch Italy

Chiede il diritto si sbarcare in un porto sicuro la Sea-Watch 4 che a bordo con a bordo 455 migranti. La richiesta arriva via Twitter dopo che nelle ultime 72 ore l'equipaggio dell'ong è riuscito a trarre in salvo sei imbarcazioni in difficoltà, due sole nelle ultimissime ore. "A bordo di una barca di legno a due piani c'erano 97 persone – racconta la Sea Watch uno dei suoi ultimi salvataggi -, erano in mare da tre giorni. Per fortuna siamo riusciti a salvarli tutti". Ora però, come prevedono anche le norme internazionale sul soccorso in mare, il recupero non è completo finché i migranti non verranno sbarcati in un porto sicuro. Così come è stato per la Ocean Viking, la nave della Ong europea Sos Mediterranee, che è riuscita ad arrivare ad Augusta e far sbarcare le 236 persone salvate da due gommoni in difficoltà lo scorso 27 aprile. E così come è stato per altri 532 naufraghi arrivati sabato primo maggio a Lampedusa dopo esser stati tratti in salvo dal mare grazie alle motovedette della Capitaneria di porto e dalla Guardia di Finanza.

E se da una parte c'è chi è riuscito a mettersi in salvo dalle onde dall'altra c'è chi chiede ancora aiuto: in balia del mare ora ci sono 95 persone. "Il motore dell'imbarcazione non funziona e c'è una tempesta in arrivo. Devono essere salvati immediatamente", scrive Alarm Phone dando l'allarme su Twitter. L'organizzazione di volontari chiede un intervento della Guardia costiera italiana e delle forze armate di Malta. "Non si lascino annegare e intervengano ora prima che sia di nuovo troppo tardi!". L'ennesima richiesta di aiuto arriva dopo che sabato primo maggio si sono persi i contatti di circa 125 persone. "La cosiddetta guardia costiera libica non le ha cercate, come al solito" si legge sempre in un tweet dell'organizzazione umanitaria. Che poi ha spiegato: "Ieri notte ci hanno chiamato circa 125 persone in pericolo su un gommone. Chiedevano soccorso ma non abbiamo ricevuto una posizione GPS accurata. Abbiamo allertato tutte le autorità e richiesto una ricerca urgente". Poi il silenzio.

A fare rumore ci pensa la politica. Sul tema ritorna il leader della Lega Matteo Salvini che in un post Facebook tiene a precisare di aver scritto al presidente del Consiglio Mario Draghi: "Centinaia di clandestini sbarcati in poche ore, è inaccettabile. Abbiamo scritto al Presidente Draghi e ai ministeri della Salute e degli Interni. oltre a controllare chi arriva in aereo dai Paesi a rischio, fra Covid e varianti, è doveroso anche bloccare barchini e barconi per rispetto degli Italiani, dei loro sacrifici, della loro salute, della loro sicurezza". E poi aggiunge: "Non si può fare nulla? Falso. Io in un anno ho ridotto delll’80 per cento gli sbarchi e sto subendo due processi per aver difeso i confini. E con meno partenze, ci sono anche meno morti. Volere è potere".

1.230 CONDIVISIONI
Humanity 1 verso il porto di Catania:
Humanity 1 verso il porto di Catania: "Non abbiamo porto sicuro, temiamo respingimento in mare"
Migranti, oltre mille persone in mare in attesa di un porto:
Migranti, oltre mille persone in mare in attesa di un porto: "Attendono da giorni, fatele sbarcare"
La Francia accoglierà i migranti della Ocean Viking, la nave è diretta al porto di Marsiglia
La Francia accoglierà i migranti della Ocean Viking, la nave è diretta al porto di Marsiglia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni