Emergenza maltempo in Piemonte, dove a causa di uno smottamento dovuto alla forte pioggia, che ha provocato a sua volta il versamento in carreggiata di fango e detriti, la strada statale 34 "del Lago Maggiore" è stata temporaneamente chiusa al traffico in corrispondenza del km 24,600, tra Oggebbio e località Resiga, in provincia del Verbano-Cusio-Ossola. Lo ha comunicato l'Anas. Sul posto sono presenti le squadre Anas, le Forze dell'Ordine e i Vigili del Fuoco per la gestione dell'emergenza e per ripristinare la circolazione nel più breve tempo possibile. Impressionanti le immagini condivise sui social network da comuni cittadini, in cui si vedono auto e persone intrappolate nel fango.

Diverse vetture sono state trascinate via dalla colata di detriti. Si sta verificando anche che non ci siano feriti, come al momento sembra. Preoccupa invece una possibile fuga di gas in località Rancone, legata al fatto che lo smottamento ha coinvolto una conduttura del metano. Diverse squadre sono al lavoro per liberare la statale, mentre a monte si sta organizzando un intervento in appoggio a residenti e turisti nella frazione di Oggebbio colpita per prima dalla frana. Proprio sulla cittadina si è abbattuto nel pomeriggio un acquazzone, che ha provocato numerosi disagi. D'altronde, le previsioni meteo di oggi erano state chiare: il maltempo sarebbe arrivato con prepotenza sulla regioni, colpendo in particolare proprio la zona del Lago Maggiore e il Novarese dove i primi temporali di questa mattina e dove violenti nubifragi persisteranno almeno fino a domenica portando complessivamente anche 150-200 mm di pioggia. Anche domani, dunque, sarà una giornata difficile dal punto di vista meteorologico per tutto il territorio regionale, al punto che la Protezione civile ha già diramato allerta meteo arancione a causa dei temporali.