L‘Alto Adige torna in lockdown. Mentre il governo italiano sta definendo le ultime misure anti-Covid da inserire nel nuovo Dpcm, il governatore Arno Kompatscher ha annunciato che nel territorio altoatesino da mercoledì si chiude per tre settimane copiando su alcuni punti quando deciso nei giorni scorsi dalla vicina Austria. Ci sarà anche un coprifuoco dalle ore 20 alle 5 del mattino. A partire da mercoledì, bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie dovranno restare chiusi e fino alle 20 sarà possibile solo l'asporto. Anche i negozi dovranno chiudere. Resteranno aperti solo negozi di alimentari, negozi che vendono generi di prima necessità, tabacchini, edicole e farmacie. Questi alcuni dei provvedimenti presi oggi dalla giunta provinciale e comunicati dal governatore Arno Kompatscher.

Alto Adige, l'ordinanza entrerà in vigore mercoledì a mezzanotte

Le misure restrittive sono state prese per arginare quanto più possibile e al più presto la forte crescita di contagi Covid sul territorio e allentare la forte pressione sugli ospedali. Tra le altre misure, nelle prossime tre settimane le scuole superiori e le università dovranno passare alla didattica a distanza, l'utilizzo degli autobus non potrà superare il 50 percento e gli hotel non potranno più ospitare turisti ma solo clienti per motivi professionali. Viene infine ribadito l'uso della mascherina, il distanziamento e le regole di igiene. Come ha spiegato il governatore in conferenza stampa online, l'ordinanza, in linea con le indicazioni statali, verrà pubblicata domani ed entrerà in vigore mercoledì a mezzanotte fino al 22 novembre.

I pazienti Covid ricoverati in Alto Adige sono oltre 300

I laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.279 tamponi e sono stati registrati 437 nuovi casi positivi. Quattro i decessi. I pazienti positivi al Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 223, 70 quelli nelle strutture private convenzionate e 84 in isolamento nella struttura di Colle Isarco. Aumentano da 17 a 23 i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva.