2 Ottobre 2021
11:20

La famiglia di Sara Scimmi, investita e uccisa: “Nel video c’è un’auto, riaprite le indagini”

Sara Scimmi è morta il 9 settembre del 2017, travolta e uccisa mentre si trovava lungo la strada 429 di Castelfiorentino, in provincia di Firenze. L’unico imputato è stato assolto, perché Sara è stata investita da un altro mezzo prima del suo. Quale, però, non è mai stato appurato. Così la famiglia della ragazza, col supporto dei legali, ha chiesto la riapertura del caso, sostenendo di aver notato, dalle immagini di videosorveglianza, un’auto mai presa prima in considerazione.
A cura di Filippo M. Capra

Giulia Scimmi, sorella di Sara, la 19enne trovata cadavere lungo la strada 429 di Castelfiorentino, in provincia di Firenze, nella notte del 9 settembre 2017, chiede la riapertura del caso alla Procura della Repubblica. Questo perché l'unico imputato per la morte della sorella è stato assolto in quanto "un veicolo aveva già procurato il suo investimento".

La famiglia Scimmi: In un video un'auto mai presa in considerazione

La richiesta di riapertura del caso si accompagna al commento a seguito degli esiti di accertamenti condotti privatamente da alcuni legali e consulenti che, visionando le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza della zona dove Sara è morta, avrebbero notato un'automobile mai presa in considerazione prima. Questo è stato grazie alla ripulitura delle immagini notturne. Giulia Scimmi spiega quindi che la ricerca di periti per arrivare alla verità è stata certosina, tanto più che la famiglia è entrata in contatto "con questo team a cui altre famiglie si erano rivolte in passato ottenendo dei risultati".

I legali in attesa di una nuova perizia sul cellulare di Sara

La stessa squadra di esperti fornirà alla famiglia Scimmi una perizia da sottoporre alla magistratura che si sommerà alle altre con le cui deposizioni aveva già chiesto la riapertura del caso. Giulia chiede che dopo quattro anni dall'accaduto, finalmente si scopra chi ha ucciso sua sorella. I legali difensori Carlo Presutti Cioni e Vanessa Daini hanno spiegato che la squadra di esperti sarebbe riuscita anche a risalire al modello dell'automobile che compare in video. Il team ha infine chiosato dicendo di star verificando "quanto fatto fino a oggi per scoprire le dinamiche di quanto realmente accaduto quella notte". Prossimamente verrà effettuata una perizia sul cellulare di Sara.

Modena, donna in bici travolta e uccisa da un'auto pirata
Modena, donna in bici travolta e uccisa da un'auto pirata
Frontale tra due auto, intera famiglia muore nel drammatico incidente di Quarto d'Altino
Frontale tra due auto, intera famiglia muore nel drammatico incidente di Quarto d'Altino
Ragazzi uccisi a Ercolano, gli amici del Tennis: "Ora abbiamo paura di restare in auto"
Ragazzi uccisi a Ercolano, gli amici del Tennis: "Ora abbiamo paura di restare in auto"
102.435 di Peppe Pace
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni