230 CONDIVISIONI
13 Settembre 2021
10:51

“Io, vaccinato all’estero per lavoro, in Italia sono senza Green pass: che devo fare?”

La lettera di Mauro a Fanpage.it: “Ho lavorato ad Abu Dhabi fino a fine aprile 2021 e qui a marzo ho dovuto fare 2 dosi di vaccino Sinopharm per poter continuare a lavorare. Ora che sono in Italia non ho modo di ottenere il Green pass in quanto il mio vaccino non è riconosciuto e tentando di procedere a una vaccinazione aggiuntiva tutti i medici non si prendono la responsabilità di individuare un vaccino adatto a una terza dose”.
230 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Fanpage.it riceve e pubblica la lettera di un lettore, Mauro:

"Sono Mauro e vorrei segnalarvi una importante problematica legata al Green pass. Io ho lavorato ad Abu Dhabi fino a fine aprile 2021 e qui a marzo ho dovuto fare 2 dosi di vaccino Sinopharm per poter continuare a lavorare. Ora che sono in Italia non ho modo di ottenere il Green pass in quanto il mio vaccino non è riconosciuto e tentando di procedere a una vaccinazione aggiuntiva tutti i medici non si prendono la responsabilità di individuare un vaccino adatto a una terza dose. Non so se vi sono arrivate altre segnalazioni simili ma non so più a chi rivolgermi per ottenere soluzioni".

Il problema di Mauro è assai comune. Il ministero della Salute ha cercato di dissipare i dubbi nelle Faq pubblicate sul proprio sito internet. In realtà, coloro che si sono vaccinati all'estero possono ottenere la certificazione verde valida anche in Italia, ma solo se è stato somministrato uno dei vaccini approvati da Ema e da Aifa, quindi Pfizer, Moderna, Astrazeneca e J&J. "I cittadini italiani (anche residenti all’estero) – si legge sul sito del Ministero – e i loro familiari conviventi, indipendentemente dal fatto che siano iscritti al Servizio Sanitario Nazionale o al SASN (Assistenza Sanitaria al Personale Navigante), e tutti i soggetti iscritti a qualunque titolo al Servizio Sanitario Nazionale che sono stati vaccinati all’estero contro il SARS-CoV-2 o che sono guariti all’estero da COVID-19, potranno richiedere, se si trovano già sul territorio italiano , il rilascio delle certificazioni verdi COVID-19 per vaccinazione o per guarigione, emesse dalla Piattaforma nazionale-DGC", sulla base della circolare del 4 agosto 2021. Ma ciò non vale per i vaccini che non sono stati approvati dalle nostre autorità competenti, come quello russo e quelli cinesi, come per l'appunto Sinopharm. Chi si trova nella situazione di Mauro può ottenere il Green pass ma solo attraverso tampone (si deve risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti).

230 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni