7.145 CONDIVISIONI
30 Ottobre 2020
20:07

Infermieri in aiuto dei ristoratori: “Ci avete portato da mangiare a marzo, ora tocca a noi”

“Ordiniamo pizze, colazioni, cene… finché possiamo facciamoci anche l’aperitivo”. È l’invito lanciato dal sindacato infermieri NurSind per sostenere i gestori di locali e ristoranti colpiti dalle nuove misure anti Coronavirus. “A marzo i ristoratori, i pasticceri, i baristi, i pizzaioli anche i negozi di profumeria, hanno donato colazioni, pranzi, cene, creme lenitive agli infermieri che stavano affrontando l’emergenza Covid. Ora tocca a noi”.
A cura di Simone Gorla
7.145 CONDIVISIONI

"Lo stipendio di un infermiere non sarà grande…ma il cuore è innegabile che invece lo sia”. In campo per aiutare i ristoratori, ricambiando il sostegno ricevuto in primavera durante la prima ondata della pandemia. È l'iniziativa lanciata dal sindacato NurSind per sostenere i gestori di locali e ristoranti colpiti dalle nuove misure per contenere i contagi da Coronavirus.

"A marzo i ristoratori, i pasticceri, i baristi, i pizzaioli anche i negozi di profumeria, hanno donato colazioni, pranzi, cene, creme lenitive agli infermieri che stavano affrontando l’emergenza Covid. I cittadini, i commercianti, loro sì, hanno riconosciuto il sacrificio che stavamo facendo nella guerra al Covid. Adesso, con le nuove restrizioni alle loro attività, ad essere in difficoltà sono loro", ha scritto Daniele Carbocci, segretario territoriale NurSind Pisa e membro del Direttivo Nazionale, in un invito a mobilitarsi che è diventato virale sui social.

Gli infermieri sono di nuovo in prima linea in tutti gli ospedali, ma anche i commercianti "rischiano, in modo diverso, la loro vita e quella dei loro cari. Come noi sia allora che ancora oggi che siamo ripiombati in emergenza. Gli infermieri non hanno stipendi da favola. Chi meglio di noi lo sa. Ma una pizza, una colazione, un aperitivo (prima delle 18 ovviamente…) finanche una cena da asporto, credo che ce la possiamo permettere. Allora cari colleghi, facciamo questo per chi ieri ci ha donato il proprio affetto e il frutto del proprio lavoro", è l'esortazione. "Ordiniamo pizze, colazioni, cene…finché possiamo facciamoci anche l’aperitivo".

L'invito è già stato raccolto e rilanciato online da molti rappresentanti del mondo sindacale e infermieristico.

7.145 CONDIVISIONI
Pamela, l'infermiera campionessa di boxe è cittadina italiana: “Ora posso dire che questa è casa mia”
Pamela, l'infermiera campionessa di boxe è cittadina italiana: “Ora posso dire che questa è casa mia”
Si finge infermiera, ruba un neonato in ospedale e poi fugge: chi è la ladra di bambini
Si finge infermiera, ruba un neonato in ospedale e poi fugge: chi è la ladra di bambini
123 di Videonews
A 15 anni scappa da solo dall'Africa, adolescente bussa alla questura di Pisa:
A 15 anni scappa da solo dall'Africa, adolescente bussa alla questura di Pisa: "Aiutatemi, ho fame"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni