La nonnina con i due agenti (Foto "Agente Lisa")
in foto: La nonnina con i due agenti (Foto "Agente Lisa")

Era arrivata da Roma in stazione a Catania in tarda serata e doveva raggiungere una cittadina vicino Ragusa, ma il suo autobus sarebbe partito soltanto il giorno successivo. Lei non aveva soldi per pagare una camera in albergo e non conosceva nessuno in città. Inoltre, la protagonista di questa storia ha ben novanta anni. E alla sua età questa anziana signora, non avendo altre alternative, stava per accoccolarsi su una panchina per aspettare l'alba e il suo autobus quando per sua fortuna una pattuglia della polizia ferroviaria l'ha notata. E i due agenti hanno aiutato l’anziana signora ed evitato di farla restare una notte intera nella sala attesa della stazione. La nonnina è stata quindi accompagnata dalla polizia ferroviaria in un vicino istituto di suore dove ha potuto trascorrere la notte e poi, la mattina dopo, gli agenti l'hanno accompagnata alla stazione del pullman e l’hanno lasciata partire, non prima di averle pagato il biglietto del viaggio.

Il racconto della polizia su Facebook: "A 90 anni la vita può essere complicata" – A dar notizia dell’accaduto è stata la polizia di Stato sulla pagina Facebook della "Agente Lisa": “A 90 anni la vita può essere complicata. Come accaduto per questa nonnina pochi giorni fa. Tutto è iniziato quando è arrivata la sera in stazione a Catania proveniente da Roma”, inizia così il racconto della polizia, che spiega che dopo aver fatto salire la nonnina sul pullman i due agenti hanno informato i colleghi di Ragusa, che hanno mandato una volante per accompagnarla in auto a destinazione. E grazie a tutti loro la novantenne è arrivata sana e salva. “E credetemi – si legge ancora sulla pagina dell’“Agente Lisa” – c’è tanta soddisfazione anche a risolvere questi casi, non investigativi ma umani. P.S. Eccola in una foto ricordo con questi due nuovi ‘nipoti’”.