166 CONDIVISIONI
12 Agosto 2021
15:51

Il sud Italia brucia: roghi in Aspromonte e Sicilia, 500 interventi dei Vigili del Fuoco in 12 ore

Nelle ultime 12 ore i Vigili del Fuoco hanno effettuato più di 500 interventi, soprattutto in Sicilia e Calabria. Dal 15 giugno, data d’inizio della campagna antincendi, i pompieri hanno effettuato 48.656 operazioni di spegnimento, oltre 20 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2020 (quando furono 28.160).
A cura di Davide Falcioni
166 CONDIVISIONI

L'Italia brucia. Nell'estate del 2021 gli incendi boschivi sono quasi raddoppiati e il triste primato dei roghi appartiene alla Sicilia, seguita da Puglia e Calabria. Dal 15 giugno, data d’inizio della campagna antincendi, i Vigili del Fuoco hanno effettuato 48.656 interventi, oltre 20 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2020 (quando furono 28.160). A fornire i dati è stato il centro operativo nazionale dei pompieri, secondo cui rispetto all'anno scorso sono più che raddoppiati anche gli interventi dei canadair – 879 contro 359 – e le ore di volo della flotta aerea dello Stato: 3.975 quest’anno, 1.820 nel 2020. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, dal 15 giugno all’11 agosto gli interventi con squadre di terra dei vigili del fuoco per incendi boschivi e di vegetazione sono stati 11.162 in Sicilia, 10.429 in Puglia, 5.535 in Calabria, 4.785 nel Lazio, 4.123 in Campania, 1.977 in Sardegna, 1.857 in Basilicata, 1.594 in Emilia Romagna, 1.432 in Abruzzo, 1.372 in Toscana, 852 in Molise, 793 in Lombardia, 781 nelle Marche, 631 in Umbria, 524 in Veneto, 444 in Piemonte, 204 in Liguria e 153 in Friuli Venezia Giulia.

Più di 500 interventi dei Vigili del Fuoco nelle ultime 12 ore

A bruciare, dunque, è soprattutto il Sud Italia: alle 10 di questa mattina i vigili del fuoco hanno reso noto di aver eseguito 528 interventi nelle ultime 12 ore, 230 dei quali in Sicilia e 100 in Calabria, regioni dove continuano ad insistere le maggiori criticità. In Calabria le fiamme devastano ampie zone delle province di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza, ma la situazione più grave è quella nei comuni di San Luca, Cardeto, Roghudi, Roccaforte del Greco, Mammola, Gioiosa Jonica, San Giovanni di Gerace, Caulonia, Cittanova e Grotteria, dove ieri un anziano è morto nel tentativo di domare le fiamme; in Calabria il fuoco ha già causato cinque vittime, bruciando centinaia di ettari di verde, uliveti e frutteti, uccidendo migliaia di animali. La situazione è dunque drammatica e per questo oggi il sindaco metropolitano di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, ha esortato il Presidente del Consiglio Mario Draghi ad andare in Calabria a Ferragosto per "verificare lo stato disastroso in cui versa il territorio vessato dagli incendi".

Situazione difficilissima anche in Sicilia, dove sono in balia delle fiamme soprattutto le Madonie, nella zona di Polizzi Generosa, dove nella notte sono state evacuate 150 persone a causa del pauroso rogo, di certa origine dolosa, che circonda l'abitato. Incendi anche a Petralia Soprana e nei pressi del Bivio Madonuzza, località d'incontro dei giovani madoniti, ma anche a Geraci Siculo e Gangi. Ieri pomeriggio a Paternò un giovane agricoltore è morto schiacciato dal trattore con il quale stava trasportando un voluminoso serbatoio d’acqua di mille litri, probabilmente per spegnere un incendio.

166 CONDIVISIONI
Maltempo Sicilia, fango invade le strade: vigili del fuoco a lavoro per liberare le vie
Maltempo Sicilia, fango invade le strade: vigili del fuoco a lavoro per liberare le vie
18 di Viral News
Previsioni meteo 12 novembre: maltempo e pioggia al centro sud, migliora nel pomeriggio
Previsioni meteo 12 novembre: maltempo e pioggia al centro sud, migliora nel pomeriggio
Maltempo Salento, Vigili del fuoco al lavoro per i danni causati dalle forti piogge
Maltempo Salento, Vigili del fuoco al lavoro per i danni causati dalle forti piogge
220 di antoizzo86
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni