14 Giugno 2017
13:01

Il boss Graviano intercettato: “Gigi D’Alessio infame, non cantò per mio figlio”

Il boss mafioso intercettato in carcere parla del cantante accusandolo di non aver voluto cantare alla festa di comunione del figlio. Dallo staff di Gigi D’Alessio negano ogni contatto: “Le attività relative alle feste private erano cessate molto prima”
A cura di Antonio Palma

Vicinanze criminali, amicizie politiche e obiettivi mafiosi ma anche vicende molto più personali come una  diatriba con Gigi D'Alessio per un mancato concerto da lui richiesto. È il contenuto delle intercettazioni ambientali al boss mafioso Giuseppe Graviano registrate di nascosto dagli inquirenti nel carcere di Ascoli Piceno mentre dialogava col compagno di ora d’aria e ora finite agli atti dell'inchiesta sulla astrattiva stato mafia. In una delle conversazioni, infatti, il capomafia di Brancaccio si scaglia anche contro il cantante partenopeo, definito un “pezzo d’infame, perché aveva rifiutato il suo invito” ma non “quello dei Marcianise e di altri soggetti malavitosi" a cantare per i figlio.

"Graviano racconta che quando il figlio fece la prima comunione, nel 2006, e lui si trovava nel carcere di Spoleto, il ragazzo gli chiese se poteva ingaggiare Gigi D'Alessio, il quale, dopo avergli dato la disponibilità rifiutò l'invito perché seppe chi era lui" scrivono nelle sintesi delle intercettazioni gli uomini della Direzione investigativa Antimafia, aggiungendo: "Graviano  definisce il cantante ‘pezzo di infame', perché aveva rifiutato il suo invito, mentre non aveva rifiutato quello dei Marcianise e di altri soggetti malavitosi".

Lo staff del cantante, dopo aver appreso la notizia dai mezzi di stampa dal suo canto ha smentito ogni possibile collegamento di Gigi D'Alessio col boss mafioso. "Non c'è stata nessuna trattativa per la partecipazione alla Prima Comunione del figlio del boss nel 2006″ hanno spiegato infatti dal team del cantante aggiungendo: "L’artista a quell’epoca, aveva già una decennale carriera di successi alla spalle, facendo tournée mondiali e riempiendo stadi e palazzetti dello sport. Le attività relative alle feste private erano cessate molto prima, nel 1996. Pertanto qualunque affermazione è da ritenersi falsa ed estranea all’artista stesso ed al suo staff. Il nome di D’Alessio è quindi stato fatto impropriamente, o da qualcuno che ha promesso la partecipazione senza avere la rappresentanza dell’artista”.

Previsioni meteo 7 novembre, l'Italia divisa in due: Sole al Nord e rovesci sul Centro-Sud
Previsioni meteo 7 novembre, l'Italia divisa in due: Sole al Nord e rovesci sul Centro-Sud
Arriva una Direttiva Europea per imporre alle multinazionali il rispetto di ambiente e diritti
Arriva una Direttiva Europea per imporre alle multinazionali il rispetto di ambiente e diritti
Muore per infarto in ospedale a Palermo, familiari devastano pronto soccorso: “Scene da far west”
Muore per infarto in ospedale a Palermo, familiari devastano pronto soccorso: “Scene da far west”
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni