101 CONDIVISIONI
Opinioni
11 Giugno 2022
09:05

I ciechi sanno vedere le ingiustizie e (alcuni) giocano bene a calcio

Ci sono persone cieche che ci vedono benissimo, ma non sono i “furbetti della pensione”, sono coloro che sanno vedere il mondo, scoprendolo ogni giorno. “Vedere” ha senso se lo interpretiamo come “capire”, cioè se allarghiamo questa parola di senso e di significato. E allora sì, anche i ciechi vedono perché hanno molti mezzi per conoscere, divertirsi e progettare l’insubordinazione contro le esclusioni.
A cura di Saverio Tommasi
101 CONDIVISIONI
Daniele Cassioli
Daniele Cassioli

I ciechi hanno due occhi, come tutti gli altri, e vedono, semplicemente lo fanno in un modo diverso.
Per dirla chiaramente: se parlate con una persona cieca non c'è cosa più brutta che porre attenzione alla limitazione dei verbi, come se dire "a che ora ci vediamo?" fosse come "parlare di corda in casa dell'impiccato".

"Vedere" ha senso se lo interpretiamo come "capire", cioè se lo allarghiamo di senso e di significato. E allora sì, anche i ciechi vedono perché hanno molti mezzi per conoscere, e in questo video provo a raccontarveli, questi modi che hanno per leggere (e vedere) il mondo.

Io ho incontrato Daniele Cassioli e la sua banda di ragazzini ciechi e ipovedenti, durante una vacanza sportiva a Marina di Pisa, organizzata dall'associazione di cui è presidente: Real Eyes sport.
Abbiamo parlato di amore e di nasi, abbiamo giocato a calcio e abbiamo provato a "perdere i punti di riferimento".
Abbiamo parlato della percezione dei colori, di quello che i ciechi vedono e come si rappresentano il volto di una persona, e della voglia – ma solo qualche volta – di toccare il volto che hanno di fronte.

Con le persone non vedenti, così come con ogni altro essere umano al mondo – e pare una banalità dirlo, ma occorre ripeterlo – bisogna semplicemente relazionarsi in un modo rispettoso, diretto, oserei dire normale, se questa parola non fosse stata usata per troppo tempo per separare e costringere a lato dei diritti coloro che stanno fuori dal canone e da una maggioranza riconosciuta.

I non vedenti vedono benissimo le ingiustizie, la bellezza, il pallone (se è sonoro), e possono godersi un film (magari con qualche descrizione sonora su certe immagini, questo certamente può aiutare).

Per dirla con una battuta, che però è una frase serissima: "Non esistono gli handicappati, e se qualcuno non riesce in qualcosa, gli handicappati siamo noi che non siamo riusciti a metterli nella condizione di fruire di tutti i pezzetti di questo mondo".

101 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Catania, genitori e figli giocano a calcio in carcere:
Catania, genitori e figli giocano a calcio in carcere: "Spazi di umanità per i detenuti"
È nata la sorellina di Mustafa, il bimbo siriano senza arti:
È nata la sorellina di Mustafa, il bimbo siriano senza arti: "Ora aspettiamo l'inizio delle cure"
Gimbe:
Gimbe: "Dopo il picco, inizia la discesa dei casi Covid ma aumentano reinfezioni, ricoveri e morti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni