Macabra scoperta a Livorno, precisamente nella zona Riotorto, tra a Venturina e Piombino. Un cadavere è stato trovato in uno scannafosso che costeggia la vecchia Aurelia dalle forze dell'ordine. La salma, che molto probabilmente appartiene a una donna, era avvolta in un sacco a pelo. I militari intervenuti sul posto, sentito il pm, hanno avviato i primi accertamenti in attesa dell'arrivo del medico legale per un esame esterno del corpo, affinché possano risalire all'identità e stabilire le cause del decesso, che al momento restano avvolte dal mistero. Indagini sono corso per dare un nome e un volto a quel corpo, ma le informazioni degli investigatori sono ancora poche e confuse. Tuttavia, secondo una prima analisi degli esperti, la morte risalirebbe a circa una settimana fa, è già in avanzato stato di decomposizione, e all'apparenza non si tratterebbe di un soggetto giovane. Non presenterebbe neppure segni evidenti di violenza. Sul corpo sarà effettuata l'autopsia.

La scoperta del corpo, secondo quanto appreso, è avvenuta in modo casuale, in seguito a un incidente avvenuto la notte scorsa nel tratto dell'Aurelia che costeggia il fosso dove è stato trovato il corpo, una zona isolata e generalmente poco frequentata. Proprio ripulendo la strada dai detriti dell'incidente ed effettuando tutti i rilievi del caso è stato notato il sacco a pelo, nascosto tra la vegetazione.