Per quasi due ore ha seminato il panico tra automobilisti e studenti all’uscita di scuola a Fermo (erano circa le 13.30). Con in un pugno una roncola e minacciando le auto di passaggio, ha dato in escandescenze dalle parti di Viale Trento. Qui una prima volta è stato raggiunto dagli uomini della Polizia di Stato, per poi riuscire a darsi alla fuga. È riapparso poco dopo in piazza Dante, a qualche centinaio di metri di distanza. Anche dopo questa seconda segnalazione, le forze dell’ordine non sono riuscite a rintracciarlo. Grazie anche all’intervento dei carabinieri e della Guardia di Finanza è stato catturato poco dopo in un bar di Lido di Fermo dopo essersi nascosto a Fosso Vallescura. "Si tratta di un irregolare – ha spiegato il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, al Resto del Carlino -, non inserito in programmi di accoglienza e già raggiunto da provvedimento di espulsione".

Non ci sono feriti, ma lo spavento che ha causato è stato tanto, soprattutto quando gli studenti degli istituti superiori e le elementari sono usciti da scuola. Come riporta il quotidiano locale, l’uomo, 38enne di nazionalità nigeriana, è lo stesso che da giorni stava terrorizzando gli utenti del cimitero, pretendendo soldi. A segnalare la situazione sono stati gli stessi frequentatori del campo santo che quotidianamente si trovavano a fare i conti con questa persona. "L’altra mattina – racconta una donna – sono venuta a trovare mio marito e dietro un angolo mi sono imbattuta in questo uomo di colore con un coltello in mano. Mi ha chiesto dei soldi senza però minacciarmi. Ho avuto paura e gli ho dato una banconota da dieci euro che avevo nel portafogli. Lui ha preso i soldi, mi ha fatto un inchino e se n’è andato. Mi sono spaventata tantissimo e ora ho paura ad andare al camposanto".