"Non sopprimetela, non ha colpe. È stato mio marito che ha sbagliato un movimento" così la moglie di Ettore Weber, il domatore ucciso da una tigre durante l'addestramento in un circo Orfei a Triggiano, nel Barese, ha chiesto che al felino venga risparmiata la vita. Un appello che non nasconde il dolore per la morte del suo compagno di vita per oltre quaranta anni e che assume contorni ancora più particolari se si pensa che la donna ha assistito con i sui occhi al dramma. Ettore stava facendo una esibizione privata come faceva spesso "per avere un contatto costante con gli animali" e la moglie lo assisteva dall'esterno della gabbia. "Io e lui avevamo un'intesa di 40 anni, con gli occhi ci capivamo. Qualsiasi allarme ce lo comunicavamo in un istante" ha sottolineato Loredana Vulcanelli al Il Giorno. Tutto però si è svolto così velocemente che il domatore non ha avuto nemmeno il tempo di fare un cenno.

"C'è un protocollo: mio marito prepara la carne dalla cintura e la dà quando le tigri fanno l'evoluzione. I felini escono dal carro e li posizioniamo nel tunnel vicino alla gabbia. La prima tigre è salita sullo sgabello, mio marito è indietreggiato mentre io facevo venire la seconda tigre. Lui ha fatto tre passi in più rispetto al solito e, girandosi, è finito sotto alla tigre" ha ricostruito  Loredana, chiarendo subito: "Gli altri felini non lo hanno aggredito. Sono tornate impaurite dentro il tunnel. La tigre che l'ha colpito, Sultan, non lo ha sbranato. Con una zampata Ettore è crollato in un secondo perdendo la vita con la giugulare recisa". Dopo l'aggressione mortale, la tigre" è rimasta sopra mio marito, come a vegliarlo, come se si fosse resa conta dell'errore", ha aggiunto la moglie di Ettore Weber.

"Il felino è un predatore, è stato un fulmine, con una zampata lo ha ucciso ma non ha colpe" ha ribadito Loredana chiedendo di non sopprimere l'animale, concludendo: "Se io mi avvicino a uno strapiombo per farmi un selfie, non è colpa del burrone se muoio. Le tigri le abbiamo cresciute col biberon nella roulotte ma sono sempre dei predatori".