Il corpo di Etienne Bernard è stato trovato nella notte sul passo Pordoi, il valico alpino delle Dolomiti. Il 27enne esperto climber, maestro di sci e guida alpina, era disperso da ieri pomeriggio. Le squadre del Soccorso Alpino arrivate sul posto si sono trovate davanti una valanga, quindi hanno purtroppo dovuto constatare che le speranze erano finite. L'ipotesi è che Etienne nel corso di una escursione sia stato travolto dalla neve.

Le ricerche nella notte

Il 27enne era arrivato al passo per una escursione scialpinistica ma nessuno è più riuscito a mettersi in contatto con lui. L’allarme è scattato verso le 17, quando la sua fidanzata, con cui aveva un appuntamento alle 16, non l’ha visto arrivare e non rispondeva al telefono. L'auto è stata trovata a passo Pordoi. Immediatamente si era alzato in volo un elicottero che ha cercato di sorvolare la zona circostante, portandosi prima a nord del passo (forcella Pordoi, Piz Boè e Belvedere) poi a sud, a ovest (Val Lasties) e infine a est fino al confine con il Veneto. Ma di Etienne nessuna traccia. Complice il buio e la forti raffiche di vento, che raggiungevano i 90-100 km orari, il mezzo di soccorso ha dovuto fare ritorno a Canazei.

Etienne Bernard trovato morto

La squadra del soccorso alpino ha quindi proseguito le ricerche, affrontando anche il freddo intenso che in zona tocca i venti gradi sotto zero, fino ad arrivare a Canale Torre Roma, nel punto in cui si è verificato il distacco di una grossa valanga, dove hanno trovato le tracce della presenza di una persona (bastoncini ed occhiali). Quindi la tragica conferma del decesso.