Il vicecapo della Protezione civile, Agostino Miozzo, lo aveva annunciato durante il bollettino quotidiano sull'emergenza coronavirus: "Da oggi alle 0 è aperto online l'appello per reclutare infermieri, all'indirizzo infermieripercovid.protezionecivile.it. Nei prossimi giorni speriamo di aggiungere un numero importante di infermieri per dare respiro ai colleghi sui territori", aveva detto durante la conferenza stampa. Nelle città più colpite, inoltre, tra cui Bergamo, Brescia e Piacenza starebbe anche arrivando "il primo contingente di medici reclutati con l'appello fatto in tutto il Paese". Miozzo aveva quindi affermato di contare di "dare continuità all'invio di medici nei giorni a venire".

Il bando servirà alla creazione di una task force di 500 infermieri e sarà disponibile dalle ore 20.00 del 26 marzo fino alla stessa ora di sabato 28 marzo. Alcuni giorni fa era già stato dato il via al reclutamento di nuovi medici per far fronte all'emergenza coronavirus: hanno risposto circa 8mila camici bianchi.

Il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha lanciato un appello agli infermieri: "Da stasera sarà possibile aderire alla task force della Protezione Civile, fate domanda, i primi 500 partiranno nel più breve tempo possibile. Tutto per aiutare questi eroi che sono in queste aree e tutti i giorni devono fare i conti con questo virus. Questa disponibilità volontaria ci ha dato forza in questi giorni e noi possiamo solo sostenerli".

Nella pagina della Protezione Civile si legge:

Sei un infermiere? Il tuo aiuto è importante per l’emergenza Coronavirus. È stata avviata la procedura per l’integrazione dell’unità medico specialistica già selezionata dal Dipartimento della Protezione Civile e che sta operando a supporto delle strutture sanitarie regionali per l’attuazione delle misure necessarie al contenimento e contrasto dell’emergenza COVID-19, con un’unità tecnico infermieristica composta da 500 infermieri. Se vuoi dare il tuo contributo, compila il form entro le ore 20:00 del 28 marzo 2020 e dai la disponibilità a prestare la tua attività. Se il tuo profilo sarà ritenuto idoneo verrai contattato da Dipartimento per definire nel dettaglio le modalità di impiego. Ti ricordiamo che la partecipazione all’unità tecnico infermieristica sarà obbligatoria per il datore di lavoro con le eccezioni previste nell’Ordinanza. La partecipazione all’unità prevede, inoltre, il rimborso delle spese di viaggio ed un premio di solidarietà forfettario per ciascuna giornata prestata. Infine si evidenzia che le Regioni provvederanno alla sistemazione alloggiativa.