M.M. in una foto su Facebook
in foto: M.M. in una foto su Facebook

Non è più in terapia intensiva Mattia M., il 38enne di Codogno considerato il ‘paziente uno' del focolaio italiano di coronavirus. È stato trasferito in terapia sub intensiva e non è più intubato. Resta ricoverato al San Matteo di Pavia, dove si trova dallo scorso 21 febbraio. È tornata a casa da qualche giorno sua moglie, incinta di 8 mesi, anche lei contagiata e ricoverata all'ospedale Sacco di Milano.

Coronavirus, il ‘paziente uno' di Codogno non è più in terapia intensiva

"È stato trasferito dalla terapia intensiva a quella sub intensiva. È stato ‘stubato' in quanto ha iniziato a respirare autonomamente", ha confermato l'assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera. Dopo oltre venti giorni in condizioni gravi, nelle ultime ore ha fatto registrare un significativo miglioramento. I medici del Policlinico pavese ritengono che la ripresa della respirazione in autonoma possa rappresentare il primo passo verso la guarigione.

Il ricovero d'urgenza e i dubbi sul ‘paziente zero'

Il caso di Mattia M., 38 anni, ha aperto l'emergenza coronavirus in Italia. Il 38enne si era presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Codogno il 18 febbraio e gli era stata diagnosticata una lieve polmonite. Quindi era tornato a casa. Poco dopo si era ripresentato in ospedale "per un peggioramento dei sintomi", secondo quanto ricostruito dall'azienda ospedaliera, ed era stato ricoverato nel reparto di medicina. Un ulteriore peggioramento delle condizioni cliniche "ha determinato l’intervento del rianimatore la mattina del 20 febbraio e il contestuale ricovero in rianimazione". Solo a questo punto la moglie del 38enne avrebbe informato l'anestesista di una cena, svoltasi a fine gennaio, dove era presente un amico rientrato dalla Cina.

L'intuizione di una dottoressa dell'ospedale

L'amico, un manager che era stato in Cina per lavoro, più volte indicato come il possibile paziente zero, dai successivi controlli è risultato non aver mai contratto il virus. La notizia riferita dalla moglie di Mattia ha però convinto la dottoressa a eseguire il tampone, nonostante il protocollo del ministero non lo indicasse. Il test è risultato positivo e sono state attivate subito le misure di sicurezza nell’ospedale di Codogno, i controlli a parenti e contatti.