54.813 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Covid 19

Tornata a casa la moglie del “paziente 1” incinta all’ottavo mese: sta bene

È stata dimessa la moglie del Paziente 1, l’uomo di 38 anni di Codogno, primo caso di coronavirus in Italia: la donna, incinta e all’ottavo mese di gravidanza, è stata dimessa dall’ospedale Sacco dove era stata ricoverata. Ora dovrà terminare la quarantena a casa: anche il Governatore Fontana ha voluto esprimere con una messaggio la propria gioia per la notizia.
A cura di Chiara Ammendola
54.813 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È stata dimessa la moglie del cosiddetto "paziente 1", il 38enne di Codogno risultato la prima persona contagiata dal coronavirus: la donna, incinta e all'ottavo mese di gravidanza, sta bene ed è tornata a casa. Era ricoverata all'ospedale Sacco di Milano da dove è stata dimessa un paio di giorni fa. Era risultata positiva al coronavirus dopo che il marito Mattia, finito in Terapia Intensiva a causa di una polmonite, era risultato positivo proprio al Covid-19.

La donna finirà la quarantena a casa

Stando a quanto si apprende la donna, che è sempre stata asintomatica, dovrà comunque terminare il periodo di ‘quarantena'. Dall'ecografia a cui è stata sottoposta nell'ospedale milanese anche la bimba che porta in grembo sta bene. Anche il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana ha voluto esprimere la propria gioia per la notizia: "La giornata si conclude con una bella notizia – ha scritto su Facebook il Governatore – la "paziente 2″, la donna ricoverata all’ospedale Sacco, in dolce attesa, è stata dimessa".

Il Paziente 1 è stabile e intubato

Quest'oggi nella consueta conferenza stampa in diretta dalla regione Lombardia l'assessore al Welfare Giulio Gallera che ha diffuso i numeri aggiornati sui contagi da coronavirus nella stessa Regione ha aggiornato anche sulle condizioni di salute del "paziente 1": l'uomo, si trova tutt'ora ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva del policlinico San Matteo di Pavia ed "è intubato e stabile e viene curato con un cocktail di farmaci sperimentali". L'assessore non si è sbilanciato e ha si augurato che possano esserci presto risultati positivi.

Coronavirus, in Lombardia 1820 casi positivi

Intanto continua a crescere in maniera costante il numero dei casi di coronavirus in Lombardia. Oggi 4 marzo sono 1820 i positivi al tampone, di cui 877 ricoverati in ospedale, 209 in terapia intensiva, 411 in isolamento domiciliare. I deceduti salgono a 73. "Fortunatamente aumentano anche le persone dimesse che sono 250, un numero importante perché vuol dire che le persone guariscono", ha spiegato l'assessore al Welfare Giulio Gallera.

54.813 CONDIVISIONI
32803 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views