20.471 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Novembre 2020
15:21

Castelfranco Veneto, in Rsa arriva la stanza degli abbracci per far visita e stringere i propri cari

Gli ospiti della casa di riposo Domenico Sartor di Castelfranco Veneto possono tornare ad abbracciare i loro cari, che potranno andare in visita nella struttura in cui è stato allestito un apposito spazio per stringere i familiari attraverso separatori e guanti. Le postazioni predisposte sono 12.
A cura di Stefano Rizzuti
20.471 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Mesi di isolamento, senza possibilità di incontrare e soprattutto abbracciare i propri cari. Ora per gli ospiti della casa di riposo Domenico Sartor di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, torna la possibilità di toccare i propri familiari, nonostante il Coronavirus. I loro cari potranno tornare a far visita agli anziani ospiti, in sicurezza. La soluzione è stata individuata attraverso una struttura, denominata ‘Emozioni senza confini’, realizzata all’interno del centro servizi alla persona del comune del trevigiano. Lo spazio è stato allestito nel Salone delle Rose, con dei separatori di vetro e delle postazioni in cui ospiti e familiari possono parlarsi ma anche toccarsi. Le postazioni sono 12 e sono dotate di guanti inseriti nella parete, che consentono il contatto fisico. A disposizione degli ospiti e di chi li va a trovare c’è anche un dispositivo audio (con cuffie e microfono) per le conversazioni.

Nel mezzo della sala c’è anche un Cubo sensoriale interattivo, un led-wall, che con l’utilizzo della tecnologia immersa proietta delle immagini rilassanti di arte, natura e di ambienti familiari. Difatti i pazienti in visita ai propri cari possono anche girare dei video da inviare al centro. Non solo, nel salone si utilizza anche un sistema di sanificazione a ozono e fotocatalitici, consentendo di igienizzare l’ambiente. Per la direttrice della struttura, Elisabetta Barbato, è necessario “poter garantire nuovamente un contatto fisico”, ritenuto “fondamentale, dato che niente è più confortevole di un abbraccio: è un gesto empatico,  aumenta l’autostima, dà energia e permette al nostro organismo il rilascio di endorfine e di ossitocina”. La direttrice conclude: "Noi abbiamo sempre ricercato il benessere fisico, mentale ed emotivo dei nostri ospiti e questa struttura rientra in un macroprogetto più ampio, che vede un nuovo approccio multidisciplinare sviluppato insieme all’Università di Padova".

20.471 CONDIVISIONI
29673 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni