225 CONDIVISIONI
La morte di Viviana Parisi e Gioele Mondello
14 Ottobre 2021
16:27

Caronia, la foto dei pantaloncini di Gioele e i peli di cane: “Dobbiamo capire a chi appartengono”

Daniele Mondello, padre di Gioele e marito di Viviana Parisi trovati morti nelle campagne di Caronia, ha pubblicato una foto che mostra i pantaloncini del bambino e ha parlato di un ciuffo di peli di cane non identificato sul corpo. L’avvocato a Fanpage.it: “Dobbiamo capire cosa è successo, non ci fermiamo”.
A cura di Francesco Bunetto
225 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Viviana Parisi e Gioele Mondello

Sono "crivellati" di buchi i pantaloncini di Gioele. Utilizza questo termine Daniele Mondello, marito di Viviana Parisi e papà del piccolo, scomparsi ad agosto dello scorso anno e ritrovati cadaveri nelle campagne di Caronia, in Sicilia. In un post pubblicato sul proprio profilo Facebook scrive: "Oggi siamo andati al tribunale di Patti per ritirare – a pagamento- l'ennesimo CD. Nell'immagine: pantaloncino di Gioele, crivellato di buchi (ne ho contati 14). Sul suo corpo: un ciuffo di peli di cane (non identificato). A voi le conclusioni". Il legale della famiglia ha commentato con Fanpage.it le ultime notizie sul giallo di Caronia.

"Capire a chi appartenga il Dna estratto dai peli sul corpo di Gioele"

"Per il consulente della Procura – ha detto a Fanpage.it il legale di Daniele, Claudio Mondello – il corpo di Gioele non è presente sul luogo in cui viene rinvenuto nei giorni antecedenti la scoperta. II consulente della Procura, che doveva analizzare le immagini del satellite e le immagini dei droni, ha disperatamente cercato delle immagini del corpo di Gioele nei giorni antecedenti il rinvenimento di questo corpo, non c'è niente. Inoltre – aggiunge l'avvocato – sul cadavere di Gioele viene rinvenuto un ciuffo di peli di cane. Da questo ciuffo di peli di cane viene estratto il Dna che non appartiene a nessuno dei cani campionati. Prima di chiudere un'inchiesta – continua – specialmente se il corpo di Gioele non era presente sul luogo dei fatti nei giorni antecedenti al rinvenimento, non hai capito qual è la causa di morte di Gioele né lo puoi stabilire con certezza perché di Gioele abbiamo solo ossa. Prospetti otto soluzioni alternative avute a riguardo la morte di Gioele prima di operare a una richiesta di archiviazione in qualità di Procura. Prima cerchiamo di capire insieme che cosa sia successo – afferma il legale – cerchiamo di capire a quale cane appartenga il Dna estratto dal ciuffo di peli di cane presenti sul corpo di Gioele".

Dalla richiesta di archiviazione all'opposizione

Lo scorso luglio il Procuratore di Patti Angelo Vittorio Cavallo ha presentato richiesta di archiviazione. "Mia moglie Viviana Parisi non ha ucciso Gioele", ha sempre affermato Daniele Mondello. I familiari della dj morta in Sicilia contestano la tesi dell'accusa secondo cui Viviana dopo un incidente in galleria, sull'Autostrada Messina-Palermo, sarebbe prima scappata nei boschi e poi avrebbe ucciso il figlio Gioele, prima di suicidarsi lanciandosi da un traliccio. "Ci sono tante stranezze in questa vicenda che vengono riportate anche dai consulenti del pm – aveva spiegato l'avvocato di Daniele Mondello – ad esempio, il luogo in cui è stato trovato il corpo della signora Viviana è una zona boschiva abbastanza silenziosa. Perché sono stati fatti sopralluoghi, sia di giorno che di notte, ed era possibile udire il rumore di persone e animali che stavano a distanza anche di 100 metri". Da qui l'opposizione del papà di Gioele all'archiviazione del caso: "L'opposizione – afferma il legale – si basa su una serie di punti che sono stati sollevati e individuati tutti ancorati a elementi probatori. Per agevolare il lavoro del giudice e per agevolare, perché rimanga agli atti, il nostro lavoro che stiamo in queste ore realizzando, una memoria riepilogativa nella quale si allegano tutte le fonti e gli elementi di prova a sostegno di quanto rappresentiamo, in modo che nessuno debba aderire alla nostra tesi o a quella della Procura sulla base di un pulso fiduciario".

225 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni