2.494 CONDIVISIONI
La morte di Viviana Parisi e Gioele Mondello
3 Agosto 2022
18:57

Caronia, Daniele Mondello: “Due anni senza Viviana e Gioele, non mi fermerò finché non avrò verità”

Il ricordo di Daniele Mondello nel giorno del secondo anniversario della morte di suo figlio Gioele e della moglie Viviana Parisi: “Chi dovrebbe occuparsene ha deciso di chiudere il caso e di lasciare tutto a tacere dando la soluzione più semplice. Lo giuro, mai mi fermerò e mai lo farò in modo che tutti vi dimentichino”.
A cura di Ida Artiaco
2.494 CONDIVISIONI
Gioele con i suoi genitori.
Gioele con i suoi genitori.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Viviana Parisi e Gioele Mondello

"Oggi sono due anni. Due anni che la mia vita è cambiata, due anni che non riesco più a sentire il calore dell’amore della famiglia… due anni che non vi ho più con me".

Comincia così il lungo ricordo, con tanto di video, condiviso sui social da Daniele Mondello, papà di Gioele e marito di Viviana Parisi, trovati morti nelle campagne di Caronia, in Sicilia, esattamente due anni fa.

Nel giorno dell'anniversario della morte del figlio e della moglie, Mondello ha scritto: "Ogni sera vado a letto sperando che il peso che porto giornalmente la mattina sia sempre minore e invece diventa sempre più grande. La vostra mancanza mi uccide istante per istante. Ma la cosa che più mi sta logorando dentro è non riuscire a capire davvero cosa sia successo".

La vicenda, in realtà, per la magistratura è chiusa definitivamente: dopo ben quattordici mesi di indagini e di battaglie tra consulenti e periti, il Gip di Patti ha archiviato il caso come omicidio-suicidio accogliendo la tesi avanzata dalla Procura. Ma per Daniele Mondello non è così.

"Chiunque sia stato, mi ha tolto la pace, la cosa più bella che avessi mai avuto nella vita. Non sto smettendo di lottare e anche se in molti si sono fatti da parte e mi hanno abbandonato, io non mollo. Non mi sono mai fermato e mai lo farò. So che questo non vi riporterà da me, ma sono sicuro che scoprire il colpevole di questa faccenda mi darà un minimo mi serenità e finalmente potrete riposare in pace. Non riesco a darmi pace e davvero non so dare spiegazione a ciò che è successo quel maledetto 3 agosto del 2020″, ha detto.

Poi ha concluso: "Chi dovrebbe occuparsene ha deciso di chiudere il caso e di lasciare tutto a tacere dando la soluzione più semplice. Lo giuro, mai mi fermerò e mai lo farò in modo che tutti vi dimentichino. Il vostro ricordo sarà sempre vivo e la mia lotta non avrà mai fine finché non giungerò alla verità. Vi amo amori miei". Infine, ha annunciato una preghiera in ricordo dei due alle 19 di oggi presso la chiesa Madonna delle Grazie.

2.494 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni