752 CONDIVISIONI
26 Giugno 2021
22:37

Caltanissetta, vivevano tra escrementi e rifiuti: due sorelle morte di stenti in casa

“Era una famiglia molto schiva che non aveva relazioni sociali però presente alle processioni e alle funzioni religiose. Il capofamiglia era morto durante il primo lockdown” ha raccontato il sindaco di Marianopoli, cittadina dove le due sorelle cinquantenni sono state trovate morte sabato mattina.
A cura di Antonio Palma
752 CONDIVISIONI
Immagine di Archivio
Immagine di Archivio

Due sorelle sono morte nelle scorse ore nella loro casa di edilizia popolare piena di escrementi e rifiuti che condividevano con la loro anziana madre. Al momento gli investigatori ipotizzano che siano morte per il grave stato di malnutrizione e povertà in cui vivevano accentuato dal forte caldo di questi giorni, sintomi che presentava anche l'anziana madre, ora ricoverata in ospedale. La terribile scoperta è avvenuta nella mattinata di oggi, sabato 26 giugno, in un'abitazione di Marianopoli, piccolo comune  del libero consorzio comunale di Caltanissetta. A lanciare l'allarme sono stati alcuni vicini che hanno allertato i carabinieri che poi hanno fatto la tragica scoperta. A chiamare i vicini sarebbe stata la madre delle due vittime.

Quando i militari sono arrivati sul posto, le due sorelle, una di 53 e l'altra di 56 anni, erano prive di sensi: una delle due era già morta ed è stato possibile solo accertarne il decesso, l'altra era gravissima ma viva. È  stata trasportata d'urgenza in ambulanza verso il pronto soccorso dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta ma purtroppo è morta lungo il tragitto. Sui corpi delle due è stata disposta l'autopsia dalla magistratura cha aperto un'inchiesta per accertare i fatti.

Secondo i residenti della zona, le due signore non frequentavano altre persone in paese ma vivevano sempre da sole. "Devo prima capire i fatti per potermi esprimere, sicuramente quello che è accaduto mi ha molto turbato. Questa mattina sono stato tra i primi ad arrivare in via Siracusa e quella in cui mi sono imbattuto era una scena davvero drammatica"  ha dichiarato il sindaco di Marianopoli, Salvatore Noto, aggiungendo: "A noi non era mai stata segnalata nessuna situazione di disagio. Vista dall'esterno nessuno si immaginava una situazione così grave. Cercheremo di capire perché si sia arrivati a una condizione simile. Era una famiglia molto schiva che non aveva relazioni sociali però presente alle processioni e alle funzioni religiose. Il capofamiglia era morto durante il primo lockdown e non hanno potuto fare nemmeno il funerale"

752 CONDIVISIONI
Caterina e Melissa, le due ragazze scambiate in culla in ospedale e vissute come sorelle
Caterina e Melissa, le due ragazze scambiate in culla in ospedale e vissute come sorelle
Dramma in Sardegna, muore mentre tenta di spegnere un incendio in casa della sorella
Dramma in Sardegna, muore mentre tenta di spegnere un incendio in casa della sorella
Morte Chiara Ugolini, ipotesi aggressione a sfondo sessuale: "Sapeva che era sola in casa”
Morte Chiara Ugolini, ipotesi aggressione a sfondo sessuale: "Sapeva che era sola in casa”
493 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni