823 CONDIVISIONI
15 Luglio 2022
09:49

Bloccati in ascensore per ore, si sentono male per il caldo: salvi grazie a uno spiraglio d’aria

Salvi grazie all’intervento dei vigili che hanno aperto uno spiraglio e hanno fatto passare un po’ d’aria oltre che di acqua. È accaduto nell’Aretino dove quattro ragazzi sono rimasti bloccati in ascensore per ore, col caldo di questi giorni.
A cura di Chiara Ammendola
823 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

È stato il tempestivo intervento della polizia municipale a salvare da possibili e più gravi conseguenze i quattro ragazzi rimasti bloccati ieri in ascensore nell'Aretino. Gli agenti sono infatti intervenuti in attesa dell'arrivo dei vigili del fuoco allarmati dal forte caldo che in questi giorni imperversa in Italia e che ha reso la permanenza per i malcapitati nella piccola cabina dell'ascensore molto difficile: forzano le porte hanno inserito una paletta, di quelle in dotazione ai vigili, per aprire uno spiraglio e far circolare dell'aria.

L'allarme è scattato nel pomeriggio di ieri, giovedì 14 luglio, nella biblioteca del comune di Monte San Savino, in provincia di Arezzo, dove quattro ragazzi sono rimasti bloccati. Immediatamente è stato richiesto l'intervento dei vigili del fuoco ma viste le temperature particolarmente elevate del periodo e il vano ristretto dove sono rimasti bloccati, i quattro giovani hanno iniziato a sentirsi male: capogiri, svenimenti e i sintomi più tipici del caso vista la mancanza d'aria.

A quel punto sono stati avvertiti gli agenti di polizia municipale che erano poco distanti e che hanno raggiunto in breve tempo la biblioteca insieme al sindaco Gianni Bennati: i vigili si sono così adoperati aprendo un piccolo spiraglio, per far passare l'aria in cabina, con la paletta d'ordinanza. Gli agenti sono riusciti anche a far passare un po' di acqua e soprattutto a calmare i giovani bloccati evitando che fossero sopraffatti dal panico. Poi arrivati i vigili del fuoco del comando di Arezzo, i malcapitati sono stati liberati. Le loro condizioni fisiche grazie all'aiuto ricevuto erano considerate buone e non c'è stato bisogno di ausilio di ossigeno con bombole.

823 CONDIVISIONI
Si fa male al ginocchio e resta bloccata sull'Etna: paura durante un'escursione
Si fa male al ginocchio e resta bloccata sull'Etna: paura durante un'escursione
Femminicidio Spinea: lei lo aveva già denunciato e poi ritirato querela. La zia:
Femminicidio Spinea: lei lo aveva già denunciato e poi ritirato querela. La zia: "Uccisa per gelosia"
Il papà la lanciò dal balcone dopo una lite con l'ex moglie: ora la bimba ha una nuova famiglia
Il papà la lanciò dal balcone dopo una lite con l'ex moglie: ora la bimba ha una nuova famiglia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni