5 Settembre 2022
19:03

Benno Neumair dice di non ricordare, dolore della sorella: “Ha ucciso mamma e papà una seconda volta”

“In aula parlava della mamma e del papà come se fossero due estranei” ha detto la sorella del reo confesso Benno Neumar, aggiungendo: “Da lui ormai non mi aspetto più la verità”
A cura di Antonio Palma

"Benno parlava della mamma e del papà come se fossero due estranei, li ha uccisi una seconda volta", sono le parole cariche di dolore ma anche di rabbia di Madè Neumair, la sorella di Benno Neumar, l'uomo reo confesso di aver ucciso la madre Laura Perselli ed il padre Peter Neumair nel gennaio dello scorso anno, nella loro abitazione a Bolzano, e di essersi poi disfatto dei cadaveri dei genitori gettandoli nel fiume Adige

Il riferimento è alle dichiarazioni dell'imputato nel corso del processo a suo carico in corso al tribunale di Bolzano. "No ricordo bene, ho cercato di cancellare dalla mia memoria quello che è successo il 4 gennaio", ha commentato infatti Benno in aula, evitando di rispondere alle domande del Pm Igor Secco che gli chiedeva di ricostruire quei terribili momenti e le modalità dell'omicidio del padre e della madre.

"Non voglio commentare" ha risposto a più riprese il 32enne davanti alle domande del Pubblico ministero  nella sua prima deposizione in Aula, tenendo solo a ritrattare la sua precedente versione dei fatti in merito alla premeditazione del duplice delitto. "Non ho pianificato la morte dei miei genitori” ha detto Benno Neumair senza però rispondere a nessuna delle domande sulle modalità di esecuzione del delitto.

"È il solito Benno che conosciamo ma fa ancora male sentire quel tono di sfida dopo aver ucciso due persone" ha dichiarato all'Ansa, la sorella che si è costituita parte civile nel processo e ha ascoltato Benno a pochi metri in Aula. "Chi uccide i propri genitori non deve pensare a se stesso ma da lui ormai non mi aspetto più la verità, almeno dalla sua bocca. Molto doloroso per me sentire dire ‘mi avvalgo della facoltà di non rispondere' con questo tono trionfante, c'è tanta tristezza nel mio cuore" ha dichiarato la sorella che si è costituita parte civile nel processo e ha ascoltato Benno a pochi metri in Aula.

Durante l'udienza, Benno Neumair infatti in diverse occasioni ha alzato il tono di voce perché infastidito dalle domande che gli venivano poste e il presidente della Corte, il giudice Carlo Busato, lo ha invitato più volte ad abbassarlo più volte prima che lasciasse l'aula poco dopo le ore 15, dopo circa cinque ore di audizione.

Peter e Laura uccisi a Bolzano, il figlio Benno Neumair condannato all'ergastolo
Peter e Laura uccisi a Bolzano, il figlio Benno Neumair condannato all'ergastolo
Benno Neumair condannato all'ergastolo, gli avvocati a Fanpage.it:
Benno Neumair condannato all'ergastolo, gli avvocati a Fanpage.it: "Faremo ricorso"
La sorella di Benno Neumair, condannato all'ergastolo:
La sorella di Benno Neumair, condannato all'ergastolo: "Nessuna vittoria. Volevo dare voce ai miei genitori"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni