3.687 CONDIVISIONI
Coronavirus
28 Aprile 2021
09:51

Astrazeneca e J&J a volontari di tutte le età: come cambia la campagna vaccinale

I vaccini AstraZeneca e Johnson&Johnson potrebbero essere utilizzati anche per chi ha meno di 60 anni. Già il Lazio ha detto che per i 58-59enni sarà possibile usare tutti i vaccini, compresi Vaxzevria e Janssen che possono essere scelti su base volontaria. L’Aifa ha spiegato che quella sugli over 60 è una raccomandazione, ma non c’è un divieto di utilizzare AstraZeneca e J&J anche per i più giovani.
A cura di Susanna Picone
3.687 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

I vaccini anti-Covid AstraZeneca e Johnson&Johnson potrebbero essere utilizzati, su base volontaria, anche per chi ha meno di 60 anni. Non c’è un divieto in Italia, ma solo una raccomandazione per entrambi a usarli per gli over-60, e a ricordare qualche giorno fa che il vaccino è idoneo per tutte le classi di età è stato lo stesso Commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo. “Il vaccino anti-Covid di AstraZeneca è idoneo per tutte le classi di età e la raccomandazione per gli over 60 è legata al bassissimo numero di casi con eventi collaterali gravi registrati al di sotto di quell’età”, ha detto Figliuolo durante una visita in Friuli Venezia Giulia. Anche il ministro della Salute Speranza di recente ha detto che attualmente questi vaccini sono raccomandati in via preferenziale alle persone che hanno più di 60 anni “ma immagino che ci sarà anche un’evoluzione con i nuovi studi”. Insomma, anche se manca ancora un atto ufficiale, sembra sempre più possibile usare i vaccini Vaxzevria e il monodose Janssen anche per i più giovani. Anche perché diversamente la campagna vaccinale non potrebbe immunizzare il 70 per cento degli italiani entro la fine dell’estate. Difficilmente si potrà andare avanti coi vaccini, una volta terminati gli over 60, solo con Pfizer e Moderna.

Non è vietato somministrare Johnson & Johnson e AstraZeneca a under 60

Già la Regione Lazio, che il 30 aprile a mezzanotte aprirà le prenotazioni per i 58-59enni, ha fatto sapere che a questa platea saranno dedicati tutti i vaccini, compresi Astrazeneca e Johnson & Johnson che possono essere scelti su base volontaria. La stessa Agenzia europea del farmaco (Ema) di recente ha confermato ancora una volta che il rapporto rischi-benefici del vaccino di AstraZeneca rimane positivo per gli adulti in tutte le fasce d’età. Il discorso è molto simile col vaccino monodose di Johnson & Johnson. Negli Stati Uniti la Fda, dopo avere sospeso la somministrazione del vaccino per le verifiche sui rari casi di trombosi registrati, ha deciso il via libera senza alcun limite di età. La casa farmaceutica, d’accordo con Aifa, ha appena aggiornato la nota informativa sul vaccino. Anche il presidente dell'Aifa Giorgio Palù ha detto che è possibile usare i vaccini Johnson & Johnson e AstraZeneca per persone con meno di 60 anni. "L'agenzia europea Ema non ha posto restrizioni. L'Aifa – ha detto Palù – ha suggerito per entrambi i vaccini J&J e AstraZeneca un uso preferenziale per la fascia di età superiore ai 60 anni ma non ha inteso vietarlo al di sotto di tale età”.

Come cambia la campagna di vaccinazione

La campagna vaccinale potrebbe cambiare una volta che saranno vaccinati gli over 65. Il criterio delle fasce di età potrebbe essere in parte derogato avviando le somministrazioni in maniera generalizzata.Ma perché questo avvenga è necessario poter contare su abbastanza dosi di vaccini. Nel secondo trimestre dell'anno arriveranno in Italia circa 62 milioni di dosi a cui si sommeranno, nel prossimo trimestre, altri 94 milioni di vaccini. Per maggio sono previste forniture tra i 15 e i 17 milioni di vaccini. Si tratta principalmente di vaccini Pfizer, Moderna, poi AstraZeneca e Johnson & Johnson.

3.687 CONDIVISIONI
27054 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni