BUENOS AIRES – Era stato giudicato colpevole di cinque casi di abusi su bambini delle sue parrocchie e proprio ieri aveva ricevuto la notizia che sarebbe stato trasferito in carcere. Probabilmente questo ha armato la sua mano e lo ha spinto a rivolgere la pistola contro di sé. Don Eduardo Lorenzo, 59 anni, si è ucciso con un colpo alla tempia ieri a Plata, a 60 km da Buenos Aires. La notizia è stata confermata dall'arcivescovo di La Plata, Victor Manuel Fernández: "Cari fratelli e sorelle della comunità arcidiocesana, prima della morte di nostro fratello Eduardo Lorenzo , che si è tolto la vita dopo lunghi mesi di enormi tensioni e sofferenze, possiamo solo unirci alla preghiera per lui affinché il Dio della vita lo possa ricevere in infinito amore". Eduardo Lorenzo  è stato cappellano del servizio penitenziario di Buenos Aires per 14 anni, dove organizzava gruppi di giovani con i boy scout, fu pastore di diverse chiese di Gonnet, Berisso e Olmos. Le lamentele contro di lui sono di vecchia data. Nel 2008 già era stato denunciato per abuso sessuale, ma la causa non aveva portato a condanne. Ieri la procuratrice Ana Medina aveva chiesto l'arresto del prete. La giudice Marcela Garmendia ha presentato la richiesta e ha respinto la richiesta di esenzione dal carcere presentata dall'avvocato dell'imputato. Il sacerdote era ancora libero e la decisione della Camera di appello era attesa a momenti.

Il primo caso

Il primo caso contro di lui – racconta oggi La Nacion – è stato avviato da un ex ufficiale di polizia di nome Julio César Frutos. Il 20 agosto 2008, la vittima, il suo figlioccio Leon, era minorenne. A quel tempo Leon dichiarò di aver subito abusi sessuali da parte del prete Lorenzo. La causa è stata quasi fermata per dieci anni. Fino a quando l'avvocato Juan Pablo Gallego ha preso il caso e ha chiesto al procuratore generale di La Plata, Héctor Vogliolo, di riaprirlo.  Il 9 maggio 2019, Gallego accompagnò León, che tornò per testimoniare. Da quel giorno, Leon non voleva più nascondersi dietro un nome fittizio. Diego Pérez, questo è il suo nome, ha parlato ed è così che legge: “Mi diceva ‘sei un uomo di colore', quindi devi farlo. Mi ha spinto, mi ha portato nella sua stanza per oltraggiarmi e fare sesso con me. Alla fine ero alcolizzato e di nuovo sottomesso sessualmente".

Altre vittime

Bartoli aveva 13 anni quando andò nel gruppo scout guidato dal sacerdote Lorenzo: “Ogni venerdì, per due anni, c'erano cene nel suo appartamento. Eravamo io e i leader scout. Le riunioni sono state fissate con la scusa di pianificare le attività del sabato. Quando hanno finito sono rimasto lì e ha fatto il suo rituale: fare il bagno, radersi, profumare e indossare il pigiama. Poi mi ha detto di aiutarlo a dormire. Baciarlo, abbracciarlo” , ha detto Julian con le lacrime agli occhi durante la conferenza stampa del luglio 2019 dopo aver testimoniato davanti al pubblico ministero.

Gustavo (nome fittizio) leggeva sul giornale ciò che Bartoli aveva detto ed era scioccato. Gustavo ha 44 anni e vive a La Plata. Incontrò Lorenzo quando faceva parte del gruppo scout appartenente alla chiesa Rosa Mística, nella capitale di Buenos Aires quando aveva 16 anni: "Un giorno mi chiama a casa mia e mi invita a cena fuori. […] Quella notte ad Almendra abbiamo bevuto molto whisky. Siamo tornati nella parrocchia di Olmos, ancora una volta mi ha chiesto i massaggi e non mi sentivo molto bene. Ma ho fatto i massaggi e ha sempre cercato la stessa posizione, e questa volta ha iniziato a fare i movimenti in modo molto esagerato. Poi sono sceso, si è alzato e ha ripetuto che tutto andava bene, che era molto contento dell'amicizia che avevamo, che non c'era niente di sbagliato. Ma ho insistito per andarmene, e lì mi ha abbracciato e ha cercato di baciarmi sulla bocca. Gli ho detto che era un figlio di puttana".

La difesa di Lorenzo

"Sono innocente. Non sono un pedofilo, non ho commesso alcun atto indegno del mio essere sacerdote. Ho difetti come tutti gli altri, ma non perversioni, che io condanno e condanno sempre. Sono stato demolito, sono in un momento spaventoso della mia vita" ha detto Lorenzo una settimana fa al consulto prima di sapere che lo avrebbero fermato. La sua vita, ha spiegato, "stava andando bene" ma ora, senza essere più cappellano del servizio penitenziario, senza essere un pastore di nessuna chiesa, senza essere responsabile di alcun gruppo di giovani, "è diventato un calvario. Sono abbattuto, spogliato. Sono più solo di un cane", ha detto Lorenzo. A metà luglio, l'arcivescovo di La Plata, monsignor Víctor "Tucho" Fernández, gli proibì di stare da solo con i minori, come "precauzione". Tre mesi dopo, Lorenzo ha inviato una lettera all'arcivescovo chiedendo una licenza come pastore nell'Immacolata Madre di Dio, Gonnet, per "motivi di salute" e l'ordine è stato accettato. Lo scorso dicembre, infine, erano stati resi noti i risultati della perizia psicologica dell'Ufficio forense della provincia di Buenos Aires: "personalità con caratteristiche di manipolazione, ed egocentrismo oltre a una complessa organizzazione psichica, presentazione ossessiva di un'immagine grandiloquente di se stesso, che nasconde una struttura psicopatica perversa avendo bisogno di altri per idolatrarlo ed esaltare l'autostima".

Un paio di settimane fa, la giustizia argentina ha imposto ai sacerdoti violenti le più alte condanne della sua storia. A Mendoza, Horacio Corbacho è stato condannato a 45 anni di prigione. Nicolás Corradi ha ricevuto una sanzione di 42 anni. Erano responsabili dell'Istituto Antonio Próvolo, responsabile dell'educazione dei bambini con problemi di udito.