995 CONDIVISIONI
4 Ottobre 2021
09:13

Alex ucciso a 2 anni a Perugia, i messaggi della madre all’ex dopo il delitto: “Così nessuno lo avrà”

In una lunga intervista, il padre del piccolo Alex ucciso a 2 anni a Città della Pieve ha dichiarato di aver provato a strappare il bimbo alla custodia della madre. “Lei aveva dimostrato di non essere in grado di prendersene cura – ha raccontato -. Era violenta e mi aveva detto di voler dare fuoco al bambino. Nessuno l’ha fermata”.
A cura di Gabriella Mazzeo
995 CONDIVISIONI

"Alex era un bambino intelligente, sveglio e pieno di vita. Lo volevo accanto. Non potrò mai perdonare sua madre per quello che ha fatto". Lo ha detto Norbert Juhàsz, padre biologico del piccolo Alex ucciso nel pomeriggio di venerdì 1 ottobre a Città delle Pieve, in provincia di Perugia. Il piccolo si trovava inspiegabilmente in Italia insieme alla mamma Erzsebet Katalin Bradacs: i due vivevano infatti in Ungheria, lì dove si trovava anche il padre del bimbo di 2 anni al momento della tragedia. Secondo quanto sospettano gli inquirenti, la donna sarebbe fuggita col bambino al seguito nel tentativo di non concederne l'affidamento all'altro genitore con il quale era in causa dopo la separazione.

Norbert è venuto a conoscenza di quanto accaduto tramite una terribile foto arrivatagli su Whatsapp poco prima delle 15. "Katalin aveva scritto "nessuno lo avrà" e poi aveva mandato la foto del cadavere di Alex – spiega l'uomo in un'intervista a La Nazione -. Il messaggio era destinato a suo figlio più grande, un ragazzo di 18 anni che vive qui avuto da una precedente relazione. L'adolescente l'ha poi inoltrata a me. Speravo che quella foto fosse falsa e sono andato subito dalla polizia, invece lo aveva fatto davvero". Subito dopo l'omicidio, secondo quanto dichiarato da Norbert, Katalin avrebbe chiamato una conoscenza comune confessando il delitto. La conversazione sarebbe stata registrata e ora potrebbe essere messa agli atti dalla procura di Perugia che ha preso contatti con il padre del bimbo e con il suo legale.

Nonostante le sue dichiarazioni, però, Katalin ha continuato a definirsi innocente davanti agli inquirenti. Le sue versioni dei fatti risultano incomplete e discordanti, tanto da essere considerate inaffidabili dalle forze dell'ordine. La mamma 44enne ha infatti dichiarato di aver trovato il cadavere del figlioletto all'interno del casolare nel quale aveva trovato un appoggio di fortuna qualche giorno prima della tragedia. Dopo il ritrovamento avrebbe poi portato il corpicino all'interno del supermercato in una disperata richiesta di aiuto. Non ha fatto alcun riferimento alle vicende legali con l'ex marito e al fatto che avrebbe dovuto consegnare il piccolo al papà già dal 23 settembre. Nonostante questo, l'ex ballerina era fuggita e aveva raggiunto prima l'Umbria e poi la Toscana. La sera prima dell'omicidio, i carabinieri di Chiusi l'avevano fermata trovandole in borsa un coltello poi sequestrato.

Secondo quanto riferito dal padre del piccolo, Katalin aveva già minacciato di dare fuoco al piccolo. Non spiega in quali circostanze, ma asserisce di aver cercato di strappare dalla sua custodia Alex. "Tutti vedevano come non fosse assolutamente adatta a crescere un figlio ma non le è stato tolto. Nessuno ha fatto nulla" ha dichiarato Norbert. György László Kalmár, membro del consiglio di amministrazione dell'Associazione dei Padri, forniva supporto legale proprio al papà del piccolo Alex. "Era nota a tutti la questione. La madre aveva già dato segni di squilibrio davanti ai rappresentati degli uffici di tutela: si era percossa la pancia durante la gravidanza, si era mostrata violenta nei confronti del bimbo e di qualunque essere vivente. Aveva afferrato il gattino di sua nonna davanti agli assistenti della protezione infanti e lo aveva lanciato contro il muro. Quando doveva nutrire il piccolo, sosteneva di non essere nelle condizioni psicologiche per farlo".

La mamma di Alex si avvale della facoltà di non rispondere

Si è avvalsa della facoltà di non rispondere davanti al gip di Perugia sottoposta a fermo con l'accusa di omicidio volontario aggravato del figlio di 2 anni. Davanti al suo legale, Enrico Renzoni, ha confermato di essere innocente come aveva già affermato nei giorni scorsi. Ha poi detto di non aver mai voluto rapire il figlio: la sua intenzione, secondo quanto dichiarato, era di riportarlo al padre una volta tornata in Ungheria.

995 CONDIVISIONI
Alex Pompa assolto dopo aver ucciso il padre, la madre: "Se avessi denunciato sarei morta"
Alex Pompa assolto dopo aver ucciso il padre, la madre: "Se avessi denunciato sarei morta"
Uccise il padre per salvare la madre, Alex Pompa è stato assolto
Uccise il padre per salvare la madre, Alex Pompa è stato assolto
Uccise il padre per salvare la madre, il pm: "Costretto a chiedere 14 anni per Alex Pompa"
Uccise il padre per salvare la madre, il pm: "Costretto a chiedere 14 anni per Alex Pompa"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni