1 Giugno 2021
20:08

Aggressione a coppia gay, a Palermo un flashmob per dire no alla violenza: “Ci vogliamo vivi e vive”

Tutti in piazza sabato 5 giugno a Palermo per dire basta a ogni forma di violenza di matrice omolesbobitransfobica. L’evento che prevede interventi, testimonianze e un flashmob è stato organizzato da Coordinamento Palermo Pride e Arcigay Palermo dopo l’aggressione avvenuta sabato scorso a una coppia di turisti torinesi picchiata da una gang di ragazzini.
A cura di Chiara Ammendola

Dopo la violenta aggressione ai danni di una coppia gay avvenuta sabato 29 maggio, la città di Palermo si mobilita per dire no a ogni forma di violenza di matrice omolesbobitransfobica e lo fa attraverso una giornata di testimonianze e interventi che si terrà sabato 5 giugno. L'appuntamento è alle 17 in piazza Verdi ai piedi del teatro Massimo nel capoluogo siciliano: durante l'evento si terrà anche un flashmob sulle note di "I will survive" di Gloria Gaynor.

Il sindaco di Palermo: Un dovere morale partecipare, oggi più che mai

"Ci vogliamo vive e vivi, se toccano uno/a tocca tutti/e: fuori la rabbia", lo slogan dell'evento fortemente voluto da Coordinamento Palermo Pride e Arcigay Palermo che vede coinvolti associazioni, circoli, movimenti e collettivi che hanno deciso di unirsi per dire basta agli attacchi e alle violenze. Presente anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che ha nuovamente sollecitato la politica affinché approvi rapidamente il ddl Zan: "Un dovere morale partecipare – le sue parole – oggi più che mai. Per ribadire che ogni forma di violenza è intollerabile e per esprimere piena solidarietà alla coppia omosessuale brutalmente aggredita. Palermo è città dei diritti e dell'uguaglianza che promuove ogni giorno i valori di un cambiamento culturale che non potrà mai essere ostacolato da vili episodi criminali".

Arcigay Palermo: Aggressioni quotidiane legittimate da discorsi d'odio

"Quanto è successo a Palermo sabato scorso e quanto sta accadendo in tutta Italia in questi mesi – scrive in una nota Arcigay Palermo – è la dimostrazione non soltanto della necessità urgente di una legge che contrasti le violenze motivate per orientamento sessuale e identità di genere ma di quanto questo dibattito pubblico sia orribile perché sta sdoganando la libertà di odiarci, aggressioni quotidiane legittimate da discorsi d'odio perfino all'interno del Parlamento dove è in discussione una legge che avrebbe lo scopo di tutelarci. Torniamo in piazza perché sentiamo il bisogno di urlare la nostra rabbia, quella stessa rabbia che tutti e tutte coloro che stanno dalla parte dei diritti e della libertà hanno provato in queste ore nell'apprendere la notizia e i dettagli dell'aggressione".

Giornata contro violenza donne: flashmob con il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi
Giornata contro violenza donne: flashmob con il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi
26 di Cronaca
Aggressione a Saverio Tommasi e altri giornalisti: perquisite le case di 4 no green pass
Aggressione a Saverio Tommasi e altri giornalisti: perquisite le case di 4 no green pass
25.324 di Giorgia Venturini
No, le donne vittime di violenza sessuale non sono colpevoli di nulla (anche se sono ubriache)
No, le donne vittime di violenza sessuale non sono colpevoli di nulla (anche se sono ubriache)
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni