Foto Facebook Kloster Neustift – Abbazia di Novacella
in foto: Foto Facebook Kloster Neustift – Abbazia di Novacella

Un mare di candele antigelo ha illuminato la notte scorsa, creando uno spettacolo suggestivo, le vallate in Alto Adige. I contadini, considerate le previsioni meteo e la primavera che tarda ad arrivare, hanno acceso tanti piccoli fuochi per non fare scendere la temperatura sotto lo zero e quindi per tentare di evitare danni ai vigneti, ai meleti e alle piantagioni di albicocche. In alcune zone della regione è stata anche attivata la cosiddetta irrigazione antibrina che crea uno strato di ghiaccio sugli alberi per impedire danni alla fioritura, creando spettacolari paesaggi di ghiaccio non meno suggestivi del mare di candele.

Da più di 30 anni a maggio non faceva così freddo nelle vallate dell'Alto Adige – Come ha spiegato il meteorologo provinciale Dieter Peterlin, era dal 1987 che non si registrava un freddo tale nel mese di maggio. A Solda, in Val Venosta, sono stati registrati questa mattina -9 gradi, a Selva di val Gardena -7 e a Dobbiaco -6. Vipiteno e Brunico sono le città più fredde con -3 gradi. “Questa notte sono stati registrati -2 gradi, per questo siamo andati ad accendere i fuochi”, ha detto ai giornalisti Andreas Huber, maestro cantiniere, spiegando di aver messo trecento candele su un ettaro di terreno per alzare la temperatura di 3 gradi e non farla scendere sottozero.