"Ho un sogno. Poter dire ricominciamo a quanti ho detto: è finita". Carlo Vichi, 90 anni, si commuove quando racconta a Repubblica la storia della unica fabbrica italiana di apparecchi televisivi, la Mivar. L'azienda di Abbiategrasso fondata nel 1945 ora però è in crisi. Inutile cercare di tener testa i colossi giapponesi e coreani. Così il patron della Mivar ha avuto un'idea: "Se una società di provata serietà accetta di fare televisori in Italia, io gli offro la mia nuova fabbrica, pronta e mai usata, gratis. Non voglio un centesimo. Ma chiedo che assuma mille e duecento italiani, abbiatensi, milanesi. Questo chiedo. Veder sorridere di nuovo la mia gente".

La fabbrica già c'è. Non lontana dalla ‘casa madre' di via Dante. Due piani, 120 mila metri quadri totali, parcheggi, grande mensa, presidio medico. "Insuperabile, qui ci possono lavorare in 1.200, tutto in vista senza ufficetti. Vede com'è luminosa?" dice Vichi.  "Molti pensavano che con i risparmi mi facessi una casa. Ma io ho fatto questo, immaginando tanta gente muoversi e che mi sorridesse". Il problema è che la produzione è ferma. "Eravamo in novecento e facevamo 5.460 televisori al giorno, un milione all'anno. Ora è tutto vuoto, solo qualche scrivania. I grossi colossi c'hanno calpestato", riflette amaro Rocco, uno degli operai storici della Mivar. "Ho disegnato televisori per venticinque anni. Anche se il vero designer è il signor Vichi, io la mano. È rimasto sempre in trincea, al suo tavolo con le rotelle in mezzo a noi, la sua morsa, le sue idee, il suo compasso. Lavorando anche di sabato e domenica".

Aggiungi un commento!