Tragica replica del caso di Pamela Mastropietro. Una diciannovenne seguita dai servizi sociali, Daria, è stata ritrovata cadavere in una valigia all'interno di un cassonetto pochi giorni dopo Capodanno. A fare la macabra scoperta è stato un senzatetto. Stavolta è accaduto a Dniprop, in Ucraina, dove la ragazza frequentava l'università. Daria, seguita dai servizi sociali, non viveva più con la sua famiglia e frequentava i corsi nella città ucraina, dove era tornata dopo il Capodanno trascorso a Kiev. Come Pamela, la ragazza aveva fatto perdere le sue tracce la notte del 1° gennaio e da allora nessuno aveva avuto più sua notizie, neanche i familiari.

L'autopsia: come è stata uccisa Daria

Dopo il ritrovamento del corpo, un testimone, residente della zona, ha dichiarato di aver visto cinque uomini abbandonate la valigia nel bidone della spazzatura dove successivamente è stata ritrovata dal clochard. Dall'autopsia, è stato possibile accertare che Daria è stata strangolata dopo che qualcuno l'aveva colpita al capo con un oggetto appuntito. Non è chiaro se abbia subito violenza sessuale. L'omicidio della giovane Daria Bilous ha sconvolto l'Ucraina ed è tuttora al centro di tutti i notiziari nazionali.