99 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Le 10 spiagge più belle di Lecce e provincia dove andare al mare in vacanza

Lecce è tra le città più importanti della Puglia per storia, cultura e bellezze naturali come le sue spiagge. Queste sono tendenzialmente sabbiose anche se non manca qualche caletta rocciosa. Le spiagge di Lecce e provincia possono essere sia libere che attrezzate per famiglie o giovani. Scopriamo le 10 spiagge più belle della provincia di Lecce dove andare al mare nel 2024.
A cura di Arianna Colzi
99 CONDIVISIONI
Immagine

Lecce è tra le città più belle e culturalmente interessanti del Sud Italia tanto da essere soprannominata “Firenze del Sud”. Pur non affacciandosi direttamente sulla costa, le sue spiagge, da Torre dell'Orso a Punta Prosciutto, compongono un litorale lungo 147,4 km con alcune delle spiagge più belle della Puglia e di tutto il Salento tanto da essere una delle 14 località italiane ad essere stata inserita per la prima volta nell’elenco delle Bandiere Blu nel 2024. Sia il mar Adriatico che lo Ionio bagnano le spiagge di Lecce, come la Baia dei Turchi e la Spiaggia degli Alimini sul versante adriatico, mentre le Maldive del Salento e Punta Prosciutto su quello ionico. Si possono incontrare spiagge sabbiose e rocciose, con paesaggi incontaminati o lidi vicini alla città, dotati di soluzioni per ogni visitatore, con spiagge libere o anche attrezzate, come San Cataldo o Cala dell'Acquaviva. Lecce dista circa 13 km dal mar Adriatico e 28 km dal mar Ionio. Ecco l’elenco delle migliori spiagge di Lecce dove andare in vacanza al mare nel 2024.

Torre dell'Orso

Torre dell'Orso è una delle spiagge più belle di tutta la Puglia. Si trova a Melendugno, una frazione di Lecce, ed è uno dei lidi italiani premiati con il riconoscimento di Bandiera Blu 2024. La spiaggia è bianca e sabbiosa, ma circondata da grandi rocce, e il mare è blu cobalto, tonalità generata dall'incrociarsi delle correnti del canale d'Otranto, città vicina alla spiaggia. Davanti alla spiaggia, in mezzo al mare, troviamo i due faraglioni denominati le Due Sorelle, per via di un'antica leggenda secondo la quale i corpi di due sorelle annegate sarebbero stati tramutati dagli dei in grandi massi per renderle immortali.

Tipologia di spiaggia: sabbiosa con rocce, libera e attrezzata.

Torre dell'Orso
Torre dell'Orso

Punta Prosciutto

Punta Prosciutto si trova nel comune di Porto Cesareo, in provincia di Lecce, ed è bagnata dal mar Ionio. Anche in questo caso si tratta di una spiaggia sia attrezzata che libera, bianca e finissimo: dopo una piccola duna che si attraversa per raggiungerla, Punta Prosciutto si apre nello splendore del mare cristallino. La vegetazione tipica della macchia mediterannea offre un po' di zona verde intorno alla spiaggia. La spiaggia è parte del Parco Naturale Regionale della Palude del Conte e si trova lungo il tragitto che porta da Porto Cesareo a Torre Lapillo.

Tipologia spiaggia: sabbia, libera e attrezzata.

Punto Prosciutto
Punto Prosciutto

Spiaggia degli Alimini

La spiaggia degli Alimini si trova nel comune di Otranto: il nome deriva dai laghi omonimi che stanno alle spalle del litorale e che prendono il nome di Alimini Grande e Piccolo. Questi sono separati dal mare da dune di sabbia in cui crescono degli arbusti mediterranei. La spiaggia è di sabbia bianca creando un paesaggio coloratissimo completato dal blu cristallino del mare. Sulla spiaggia ci si imbatte in scogli che affiorano e che rappresentano l'unico scorcio roccioso del paesaggio. Anche questa spiaggia è stata premiata con la Bandiera Blu e le 5 Vele di Legambiente: si tratta di un tratto costiero molto versatile poiché dotato di stabilimenti e di un pezzo di spiaggia libera. Nelle acque davanti alla spiaggia, poi, si trova il relitto della Dimitrios, una nave cargo che nel 1978 si è arenata nelle acque di Otranto durante la traversata che dal Pireo la portava verso Pesaro.

Tipologia di spiaggia: sabbia, libera e attrezzata.

Spiaggia degli Alimini
Spiaggia degli Alimini

Maldive del Salento

In provincia di Lecce c'è un luogo che vi trasporterà in un istante nel paradiso naturale delle Maldive. Le Maldive del Salento si trovano a Marina di Pescoluse, comune nel Leccese, e sono celebri per il loro litorale con sabbia bianca finissima e acqua trasparente. Questo tratto va da Torre Pali a Torre Vado, per un totale di 7 km: è dotato di una porzione di spiaggia libera e di stabilimenti balneari, incluso quello che gli ha conferito il nome. Nei dintorni di questa splendida spiaggia si trovano anche dei reperti archeologici che risalgono alla Preistoria, come i dolmen Argentina e i resti di villaggi dell'età del Bronzo.

Maldive del Salento
Maldive del Salento

Spiaggia di Porto Selvaggio

Nel comune di Nardò, in provincia di Lecce, a pochi passi da Gallipoli e Porto Cesareo, si trova la spiaggia di Porto Selvaggio, un paradiso naturale e incontaminato. Partendo da villa Tafuro, dopo circa 20 minuti a piedi tra gli arbusti si raggiunge questa piccola caletta immersa nel parco naturale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano, una riserva protetta dalla Regione fin dal 2006. La baia si affaccia sul mar Ionio ed è rocciosa, come tutto il tratto di costa frastagliata che va da Torre Uluzzo a Torre dell'Alto. Un posto perfetto a pochi minuti da Lecce per chi ama la natura incontaminata.

Tipologia di spiaggia: rocciosa.

Baia di Porto Selvaggio
Baia di Porto Selvaggio

Baia di Torre Lapillo

Torre Lapillo è una baia che si estende per circa 13 km, partendo da Punta Prosciutto e arrivando fino a Porto Cesareo. La spiaggia di sabbia finissima e bianca è considerata una delle più belle della Puglia. Prima della baia, che si trova nel comune di Porto Cesareo, si passa dal Lido degli angeli per poi imbattersi in questa lunga striscia a cui si arriva dopo aver attraversato delle dune sabbiose e con degli arbusti rigogliosissimi. Insieme alle Maldive del Salento, è una delle spiagge più simili al tradizionale paesaggio caraibico che ci siano in Puglia. Inoltre, è un luogo perfetto per famiglie e bambini visto che il fondale è basso anche per i primi 100 metri. Davanti al piccolo tratto di scogliera, noto come San Tommaso per via dell'omonima torre, è possibile scorgere una particolare barriera corallina.

Tipologia spiaggia: sabbia e scogliera.

Torre Lapillo
Torre Lapillo

Spiaggia di Gallipoli

La Purità è la spiaggia storica di Gallipoli, quella più frequentata dai residenti e dai turisti: dall'Ottocento in poi questo lido è sempre stato frequentato come luogo d'incontro per gli abitanti della città. Oggi questo tratto di costa è noto, a partire dagli anni Settanta, per le attività dei velisti della zona che si concentrano qua anche per la presenza del Circolo della Vela. All'interno della città vecchia, la spiaggia lunga 300 metri è proprio sotto le antiche mura: una spiaggia di sabbia a pochi passi dalla città, un luogo ideale per chi vuole godersi la movida di Gallipoli senza rinunciare a un tuffo nel mare cristallino.

Tipologia di spiaggia: sabbia e libera

La Purità a Gallipoli
La Purità a Gallipoli

San Cataldo

La spiaggia di San Cataldo un tempo era chiamata Porto Adriano ed era l'insenatura dove si affacciava il porto di Lecce: ancora oggi sono visibili delle piccole colonne in marmo dove attraccavano le imbarcazioni. San Cataldo fa parte delle cinque marine di Lecce – Frigole, Torre Chianca, Spiaggiabella, Torre Rinalda – e oltre a essere la spiaggia della città, negli ultimi anni è diventata anche una meta turistica ambita. La spiaggia è quasi tutta sabbiosa, anche se sono presenti diversi scogli bassi: il lido, poi, è circondato da una pineta fittissima. Essendo ricca di stabilimenti balneari, San Cataldo è molto frequentata dalle famiglie con i bambini. A pochi chilometri da questo tratto di costa si trova anche l'Oasi Naturale delle Cesine, una zona paludosa rimasta incontaminata e abitata da diverse specie di uccelli migratori: un paradiso per gli amanti della natura.

Tipologia di spiaggia: sabbia e attrezzata

San Cataldo
San Cataldo

Porto Badisco

Nel comune di Otranto, in provincia di Lecce, c'è una piccola caletta rocciosa affacciata sul mar Adriatico dal significato letterario che rimanda alla mitologia: qui si pensa che Enea sia approdato una volto giunto in Italia, come scrive Virgilio nell'Eneide si tratta della baia di Porto Badisco, un' insenatura di costa rocciosa tra Santa Maria di Leuca e Otranto. Un luogo ideale per coloro che sono appassionati di tuffi in mare. L'insenatura si estende per 500 metri, creando una caletta piccola e accogliente, per chi cerca riparo dalle spiagge con più calca. Dietro agli scogli, la macchia mediterranea con i suoi arbusti lo rende uno scorcio ideale anche per i picnic in primavera.

Tipologia spiaggia: scogli.

Porto Badisco
Porto Badisco

Cala dell'Acquaviva

Tra Castro e Marina di Andrano, in provincia di Lecce, si trova un piccolo gioiello nascosto tra le rocce. Nella frazione di Diso, nel comune di Marina di Marittima, c'è un paesaggio indimenticabile per gli amanti dei colori della macchia mediterranea: cala dell'Acquaviva. Questo lido ha anche un piccolo porticciolo che è incastonato tra gli scogli e che si apre sul mare cristallino dell'Adriatico. La baia è circondata da grandi scogliere a strapiombo nel mare. La spiaggia è tutta di sassi e scogli, ma il paesaggio vale anche la scomodità per l'assenza di sabbia. Inoltre, nei pressi della frazione e della baia è possibile fermarsi a pranzo nel paesino di Castro, appena risalito il sentiero che vi ha condotti al mare.

Tipologia di spiaggia: scogli.

Cala dell'Acquaviva
Cala dell'Acquaviva
99 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views