74 CONDIVISIONI
The Crown 6

La morte di lady Diana: cos’è successo durante l’ultima notte a Parigi

La serie Netflix The Crown accende di nuovo i riflettori su lady Diana e sugli ultimi anni di vita, dopo il divorzio da Carlo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Beatrice Manca
74 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
The Crown 6

Sono passati 25 anni dalla morte di lady Diana, eppure il suo ricordo non smette di commuovere e emozionare. Mostre, film e biografie si susseguono nel tentativo di rimettere insieme i pezzi del puzzle: come sarebbe Diana oggi se le cose fossero andate diversamente? Cos'è successo davvero durante l'incidente d'auto a Parigi che le è costato la vita? Dopo il film Spencer con Kristen Stewart, il mito di Diana rivive nella quinta stagione della serie Netflix The Crown, dove Elizabeth Debicki interpreta la principessa nei suoi ultimi anni di vita, dal divorzio fino alla fatidica notte del 31 agosto 1997.

L'ultima notte di lady Diana a Parigi

Riavvolgiamo il nastro dell'ultima notte di vita di lady Diana, principessa di Galles e madre di William e Harry. La serata era iniziata con una cena all'Hotel Ritz, dove Diana alloggiava insieme al fidanzato Dodi Al Fayed. Non c'è da stupirsi, visto che il palazzo era di proprietà di Mohamed Al Fayed, padre di Dodi. I paparazzi avevano seguito la coppia sin dal loro arrivo a Parigi: Diana era più popolare che mai dopo la separazione dal principe Carlo e l'allontanamento dalla royal family. Ogni gesto della principessa veniva studiato e fotografato, perfino nella banalità della routine quotidiana, per non parlare dei suoi flirt. Dopo la rottura con il medico Ashnat Khan, Diana aveva iniziato una relazione con Dodi Al Fayed: i due avevano trascorso l'estate insieme e avevano deciso di fare tappa a Parigi prima di rientrare a Londra. Un programma che non avrebbero mai realizzato.

Lady Diana nel 1994
Lady Diana nel 1994

Le ultime immagini di Diana la ritraggono poco dopo la mezzanotte proprio nei corridoi del Ritz, mentre fuori i paparazzi si ammassavano per rubare una foto della principessa, magari un bacio al nuovo fidanzato. Dodi e Diana decisero perciò di non fermarsi in hotel per la notte, ma di andare a dormire in un appartamento sugli Champs-Elysees, vicino all'Arco di Trionfo. Per non farsi seguire, misero in scena un diversivo: lasciarono l'autista all'ingresso principale e uscirono dal retro del palazzo, dove una Mercedes li attendeva.

Diana e Dodi Al Fayed
Diana e Dodi Al Fayed

La dinamica dell'incidente nel Pont de l'Alma

Nell'auto viaggiavano quattro persone: l'autista Henri Paul e la guardia del corpo Trevor Rees-Jones davanti, la principessa e il fidanzato Dodi Al Fayed dietro. A poca distanza correvano le moto dei paparazzi – secondo i testimoni anche un paio di auto – lanciate all'inseguimento della Mercedes nel tentativo di scattare una foto alla nuova coppia. Le testimonianze raccolte dall'Associated Press racconteranno che la Mercedes, nel tentativo di seminare i paparazzi, sbandava pericolosamente.

A mezzanotte e venti circa, la Mercedes imboccò il sottopassaggio del Pont l’Alma, dove terminò la sua corsa contro il tredicesimo pilone del tunnel. Lo schianto a forte velocità ridusse l'auto a un ammasso di lamiere: l'autista e Dodi Al Fayed morirono sul colpo. Diana venne trasportata in ospedale in fin di vita, ma sarebbe morta di lì a poco. Le lunghe indagini condotte dalla polizia francese hanno concluso che l'incidente sia stato causato dallo stato di alterazione dell'autista, che aveva in corpo livelli di alcol superiori alla norma. Circostanze peggiorate dall'alta velocità e dalle condizioni pericolose della fuga dai paparazzi.

La morte di lady Diana ha segnato un'epoca

La morte di lady Diana ha sconvolto l'opinione pubblica anche fuori dal Regno Unito: un'ondata di dolore e commozione. Ancora oggi appaiono nuovi dettagli, nuove testimonianze, nuove ipotesi. Non sono mancate nemmeno le teorie del complotto e le accuse alla royal family, forse nel tentativo di dare un senso a una morte prematura. A riaprire il dibattito è stata la quinta stagione di The Crown: l'ultimo capitolo della fortunata serie Netflix è al centro di molte polemiche per come dipinge gli ultimi anni di lady Diana. Jemina Khan, amica intima della principessa e consulente della serie Netflix, ha lasciato il posto per prendere le distanze dalle scelte degli sceneggiatori. Con ogni probabilità però la quinta stagione si interromperà prima della morte di Diana, visto che l'attrice Debicki compare anche nella stagione 6. Forse quindi l'incidente farà parte della narrazione della prossima stagione e non di quella in uscita. Il magazine Deadline ha rivelato che negli episodi non verrà mai mostrato l'incidente d'auto, ma l'atmosfera di dolore e tensione crescente nel Regno Unito. A distanza di decenni, il ricordo della principessa del popolo è più vivo che mai.

74 CONDIVISIONI
28 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views