84 CONDIVISIONI

La solitudine del Natale: i consigli della psicologa per affrontare con serenità le feste

Non solo regali, addobbi e felicità. Per molti le feste di Natale sono un momento difficile da affrontare perché affiorano sentimenti come malinconia, tristezza e solitudine. Ne abbiamo parlato con la psicologa Carolina Traverso.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Francesca Parlato
84 CONDIVISIONI
Immagine

Natale è quel periodo dell'anno in cui sembra che sia necessario essere felici. Ci sono i pranzi e le cene in famiglia, l'albero da addobbare, i regali, i brindisi con i colleghi. Eppure per molti si potrebbe passare direttamente dall'8 dicembre al 7 gennaio. Malinconia, solitudine, sensazione di spaesamento sono sentimenti che in questo periodo possono tornare a fare capolino nella vita di tutti noi. "Dicembre non è un mese psicologicamente facile. – spiega a Fanpage.it la psicologa e psicoterapeuta Carolina Traverso – Gli eventi della vita non seguono il calendario e nonostante le mille luci e gli addobbi natalizi, per alcuni il buio dentro può essere grande. Può accadere per le più svariate ragioni: stress economici in un momento in cui il consumismo è spinto a livelli parossistici, cambiamenti famigliari importanti inclusi separazioni e perdite, problemi di salute o difficoltà sentimentali". Non è un caso se da qualche anno abbiamo cominciato a familiarizzare con l'espressione Christmas Blues, uno stato d'animo caratterizzato dalla tristezza e dalla malinconia che scompare generalmente, al termine delle Feste

La solitudine del Natale

Una fotografia reale di quante persone soffrano di solitudine o siano in difficoltà nei giorni di Natale ce la offrono i dati di Telefono Amico, un'organizzazione di volontariato che promuove la cultura dell’ascolto empatico come fattore di salute emozionale e di contrasto alla solitudine. e che da 10 anni mantiene attivo un servizio di ascolto telefonico per stare accanto a chi è solo durante le feste dalle 10 del giorno della Vigilia fino alla mezzanotte di Santo Stefano. Nel 2022 durante i giorni delle feste 720 persone hanno contattato i numeri di Telefono Amico Italia, con un aumento del 13% rispetto ai contatti (telefono, mail, Whatsapp) ricevute nel 2021 e del 42% rispetto al 2020. Le problematiche prevalenti riguardavano la solitudine, il bisogno di compagnia e difficoltà nelle relazioni familiari. Dai dati emerge anche che a telefonare e contattare i volontari dell'organizzazione sono persone di tutte le età. "La solitudine come stato d’animo che pesa sul cuore può riguardare tutti a ogni età. – spiega Traverso – Può essere acuita dalla sensazione di essere incompresi, sbagliati, abbandonati, non voluti. E si può soffrire di solitudine anche all’interno del proprio nucleo famigliare quando la comunicazione è difficile o assente, può valere per le coppie così come per famiglie intere. Condividere le nostre emozioni è l’unico modo per non sentirci soli e coltivare relazioni autentiche e quando questo manca in casa dovremmo rivolgerci agli amici che, come dico spesso, in fondo sono i nostri grandi amori platonici. E anche chi è single e magari sereno in altri momenti dell’anno, a dicembre può patire di più la solitudine sia perché il marketing del Natale è associato allo stare insieme, sia a causa delle domande di famigliari e conoscenti sulla sua situazione sentimentale, che sembrano talora alludere all’idea che non essere in coppia debba essere per forza un fatto preoccupante".

Solitudine a Natale: istruzioni per l'uso

Solitudine non vuol dire essere soli. Anche con una famiglia intorno o con un partner si può avvertire forte questo sentimento. E se ci sentiamo pervadere da questo stato d'animo, se proprio non riusciamo a trovare un motivo per cui passare la vigilia con i parenti, forse è bene fare qualche riflessione. "Dovremmo per prima cosa chiederci perché non vogliamo andare, ricordandoci che da vicino nessuno è perfetto, che la famiglia ideale non esiste e che, a volte, smettere di aspettarci che gli altri siano diversi da come sono è la chiave della serenità" consiglia la psicologa. Tuttavia, se valutiamo che partecipare al Natale in famiglia potrebbe mettere a repentaglio la nostra salute mentale allora è bene proteggersi. "In queste circostanze è consigliabile creare un rituale alternativo. Potrebbe essere un momento di condivisione con gli amici o il dedicarci del tempo semplicemente per riposare o fare qualcosa che ci fa stare bene".

La solitudine: uno spazio da coltivare

Ma c'è anche un altro tipo di solitudine, che oggi forse sottovalutiamo, ed è quella che ci offre il tempo e la libertà di fare quello che più ci pare, di godere del tempo per noi stessi, di ritrovarci. "La solitudine è anche uno spazio di cui tutti abbiamo bisogno per ricaricarci. Poter assecondare i nostri bisogni momento per momento, senza dover rendere conto a nessuno, è forse il dono più grande che la solitudine possa offrirci. Possiamo fare ciò che più ci va, quando ci va. Se la solitudine è scelta, come spazio per ricaricarsi, da dedicare al riposo, alla creatività, alla rigenerazione del corpo e della mente, allora è tutta un’altra storia".

84 CONDIVISIONI
Come affrontare le feste con i parenti: i consigli dello psicologo Gerry Grassi
Come affrontare le feste con i parenti: i consigli dello psicologo Gerry Grassi
Perché a Natale litighiamo di più: consigli per affrontare le feste in famiglia
Perché a Natale litighiamo di più: consigli per affrontare le feste in famiglia
Perché passare le feste di Natale con la famiglia del partner ci stressa (e consigli su come affrontarle)
Perché passare le feste di Natale con la famiglia del partner ci stressa (e consigli su come affrontarle)
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views