3.107 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Miami Open 2024 di tennis

La scelta sofferta di Sinner per il tennis: ha spiegato perché non vede mai la sua famiglia

Jannik Sinner dopo la vittoria di Miami ha parlato del suo rapporto con la famiglia e del perché loro non si possono vedere spesso. Una scelta in cui conferma il suo pragmatismo.
A cura di Marco Beltrami
3.107 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Jannik Sinner è unico, e non solo per i suoi eccezionali risultati che gli hanno permesso di diventare il primo numero 2 al mondo italiano della storia. Dopo la vittoria del torneo di Miami con il successo in finale su Dimitrov, il tennista altoatesino è tornato a parlare della sua famiglia, e delle sue origini. Non può trascorrere, per ovvi motivi, tutto il tempo che vorrebbe con i suoi genitori, il fratello e i nonni Sinner, al quale però basta sapere che loro stiano bene e siano felici.

Papà Hanspeter e mamma Siglinde non hanno cambiato la loro vita dopo che il loro amatissimo figlio ha visto la sua popolarità schizzare alle stelle. I genitori di Jannik continuano a lavorare, e l'unica "eccezione" è rappresentata dal papà che quando può segue il team di Sinner lavorando per loro come cuoco. Mette la sua esperienza al servizio del figlio e della sua formidabile squadra che sta conquistando risultati eccezionali.

Cambierà qualcosa ora per loro? Sinner in questo senso ha le idee chiare: "Loro continueranno a fare la loro vita, e poi io farò la mia vita (sorride, ndr). Di sicuro, mio ​​padre per esempio era venuto a Indian Wells. Ci sono tre, quattro tornei in cui potrebbero seguirmi come Monaco, Roma e Vienna e fine anno spero alle Finals di Torino se gioco. E questo è tutto. Non viaggeranno molto, almeno fino ad ora".

Immagine

Ci sono delle priorità, e una di queste è stare vicino ai nonni. D'altronde lo stesso Sinner dopo gli Australian Open (quando aveva dedicato il successo ai suoi genitori) ha deciso di non regalarsi vacanze "eccezionali" ma di tornare a casa per stare in famiglia e condividere momenti felici con chi non può vedere con costanza: "Li conosco, quindi ho anche la nonna e il nonno che ormai hanno una certa età e ai quali vogliono stare vicini. Abbiamo la famiglia in quella casa. Vivono in un posto bellissimo, e stanno bene lì. Sicuramente personalmente mi manca un po' il tempo con i miei genitori, perché ho lasciato casa quando avevo 13-14 anni. Quindi non ho avuto molto tempo da trascorrere con loro".

E anche parlando dell'argomento familiare, Sinner si conferma un ragazzo molto maturo e pragmatico. La priorità infatti per il giocatore, che ora si concentrerà sulla stagione della terra rossa, a prescindere dalla possibilità di vedersi, è che stiano tutti bene: "Poco tempo con loro? Spero di riuscire a rimediare in futuro, ma, voglio dire, per me è più importante se loro sono felici. So di essere felice. Se io sono felice, loro sono felici. Va tutto bene".

3.107 CONDIVISIONI
99 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views